Dall’Europa, 16 mld di euro in 7 anni a chi specula sulla deforestazione in Sudamerica

Dal 2016 allo scorso febbraio alcuni dei maggiori soggetti finanziari europei – soprattutto olandesi, spagnoli, francesi, britannici e tedeschi – hanno erogato crediti per 16,5 mld di euro e investimenti per 815 mln di euro verso aziende opache, con legami con logging illegale, incendi e conflitti per la terra, nell’area Mercosur

Deforestazione per l’agribusiness: il ruolo di Cina, USA e Giappone
via depositphotos.com

Il rapporto di Friends of the Earth Europe sui finanziatori della deforestazione

(Rinnovabili.it) – Sulla sponda europea dell’Atlantico promettono di rendere il loro business compatibile con il Paris agreement e di aiutare a fermare la deforestazione. Mentre sull’altra sponda, in America Latina, continuano a finanziare senza problemi l’agribusiness che ha legami con il logging, gli incendi e i conflitti per la terra nella sua catena di fornitura. Questo doppio standard delle banche europee e di altri attori finanziari del vecchio continente aggraverebbe ancora di più questi problemi se entrasse in vigore l’accordo di libero scambio UE-Mercosur, al momento congelato perché i 4 paesi sudamericani coinvolti non offrono abbastanza garanzie di protezione della natura e del clima.

Lo sostiene un rapporto di Friends of the Earth Europe che fa i conti in tasca ai maggiori finanziatori europei della deforestazione in America Latina. I 10 maggiori creditori europei verso l’agribusiness sudamericano della carne e della soia hanno elargito in 7 anni (tra il 2016 e febbraio 2022) qualcosa come 16,5 miliardi di euro. Soggetti come il Banco di Santander spagnolo, l’olandese Rabobank e CNH Industrial Capital, le inglesi HSBC e Barclays, la francese BNP Paribas, la Deutsche Bank.

Leggi anche La coalizione globale che lotta contro il trattato UE-Mercosur

A 815 milioni di euro si ferma invece la cifra degli investimenti garantiti alle major della carne e della soia che operano in Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay, ovvero i 4 paesi dell’area Mercosur, da parte di soggetti europei, tra cui il fondo pensioni olandese ABP, la francese Crédit Agricole, la britannica Odey Asset Management.

“Nonostante i ripetuti impegni di governi e aziende a fermare la deforestazione, negli ultimi due decenni i Paesi del Mercosur, Argentina, Brasile e Paraguay, hanno registrato alcuni dei più alti tassi di deforestazione a livello globale. Gli allevamenti estensivi di bestiame e l’agricoltura intensiva basata sulle materie prime sono i due principali motori della deforestazione. Le istituzioni finanziarie europee, fornendo crediti e investimenti, sono importanti sostenitori di questi settori agroalimentari”, spiegano gli attivisti.

Leggi anche Accordo UE-Mercosur, l’Europa sacrifica clima e ambiente per la carne sudamericana

Articolo precedenteI Paesi Bassi estendono l’obbligo di risparmio energetico
Articolo successivoCittà circolari: il bilancio del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui