Gli USA ridurranno le emissioni di gas serra solo del 24-35% al 2030

Senza una politica climatica degna di questo nome, gli USA falliranno gli obiettivi al 2030 fissati l’anno scorso. Un rapporto di Rhodium Group stima che a fine decennio la flessione dei gas serra sarà appena del 24-35% invece del 50-52% promesso da Biden

Emissioni di gas serra: gli Usa mancheranno clamorosamente gli obiettivi 2030
crediti: National Renewable Energy Lab via Flickr.com | CC BY-NC-ND 2.0

Mancano quasi del tutto nuove politiche per tagliare le emissioni di gas serra

(Rinnovabili.it) – Prima il Build Back Better tenuto in ostaggio (e poi affossato) da un solo senatore dem. Poi la sentenza corrosiva della Corte suprema: ha tolto all’Epa la prerogativa di fissare limiti alle emissioni industriali, smontando quel Clean Air Act su cui si basa gran parte della politica climatica USA. A 18 mesi dall’insediamento alla Casa Bianca, Joe Biden ha collezionato solo sconfitte sul clima. E senza uno scatto di reni, c’è il rischio concreto di fallire clamorosamente gli obiettivi 2030 sulle emissioni di gas serra.

Lo sostiene il consueto rapporto annuale del Rhodium Group, che fa i conti e stima la traiettoria climatica degli Stati Uniti in base alle leggi effettivamente approvate. Il quadro aggiornato a giugno 2022 è devastante: di questo passo, non si andrà oltre una riduzione del 24-35% delle emissioni di gas serra entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005. La metà del target fissato da Biden, ovvero meno 50-52% per fine decennio. Nel 2035, la riduzione si dovrebbe attestare in una forchetta compresa tra -26 e -41%.

Leggi anche Leaders Summit on climate, USA promettono -52% CO2 al 2030

“Queste stime rappresentano una prospettiva più rosea per la riduzione delle emissioni” rispetto al rapporto dell’anno scorso, che stimava una riduzione del 17-30% entro il 2030, spiega Rhodium Group, “ma questo cambiamento è in gran parte attribuibile a proiezioni di crescita macroeconomica più lenta e a prezzi più alti dei combustibili fossili, non a grandi cambiamenti politici”.

Per il resto, gli unici provvedimenti che hanno qualche sembianza di politica climatica sono il pacchetto legislativo sule infrastrutture approvato l’anno scorso, che ha stanziato 15 miliardi di dollari per EV e infrastruttura di ricarica, i nuovi target sulle rinnovabili fossati da alcuni stati, e nuove regole dell’Epa per le emissioni dei furgoni.

Leggi anche Colonnine di ricarica: gli Stati Uniti investono 7,5 miliardi

“Ora più che mai è importante che i politici si concentrino sulla massimizzazione dell’impatto delle politiche: il tempo stringe sia per raggiungere gli obiettivi climatici degli Stati Uniti per il 2030 sia per ridurre le emissioni e scongiurare i peggiori impatti del cambiamento climatico”, avverte il rapporto.

Articolo precedenteAzioni concrete dal Gruppo Chiesi per un futuro più sano e sostenibile
Articolo successivoCaro materiali: via alle compensazioni per il secondo semestre 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui