ETS europeo: i paesi BASIC contro la carbon border tax

I dazi doganali legati alle emissioni allo studio a Bruxelles sono una pratica “discriminatoria” che non rispetta il principio di equità, secondo cui chi ha più responsabilità nel cambiamento climatico, come i paesi industrializzati, deve fare di più e non scaricare il fardello sui paesi in via di sviluppo

ETS europeo: i paesi BASIC contro la carbon border tax
Foto di Marco Federmann da Pixabay

Brasile, Sudafrica, India e Cina temono la riforma dell’ETS europeo

(Rinnovabili.it) – La carbon border tax è “discriminatoria” e solleva “profonda preoccupazione”. A dirlo sono i paesi BASIC e cioè Brasile, Sud Africa, India e Cina. Grandi paesi considerati in via di sviluppo (anche se la presenza di Pechino in questo gruppo è sempre più controversa) che provano a farsi portavoce dell’intera categoria. Tutti contro la riforma dell’ETS europeo e l’introduzione di quella che giudicano come una pratica commerciale ingiusta.

L’argomento sollevato dai 4 paesi all’incontro di livello ministeriale dell’8 aprile dedicato al cambiamento climatico fa perno sul principio di equità. Nel comunicato finale i 4 ministri dell’Ambiente danno ampio spazio al CBDR-RC, una sigla che si riferisce a “responsabilità comuni ma differenziate e rispettive capacità”. E’ così che in ambito ONU, e nel quadro della convenzione sui cambiamenti climatici, viene declinato il principio di equità. Vale a dire, i paesi sviluppati hanno contribuito prima e più degli altri alle cause antropiche del climate change, dunque devono impegnarsi di più per affrontare questo fenomeno.

Leggi anche L’UE accelera sulla carbon border tax: “essenziale” se la COP26 fallisce

Alla riunione i ministri hanno “espresso grave preoccupazione per la proposta di introdurre barriere commerciali, come l’adeguamento unilaterale delle frontiere del carbonio, che sono discriminatorie e contrarie ai principi di equità e CBDR-RC”. L’Unione Europea non è citata direttamente ma il riferimento è chiaro. Non fosse altro perché la Cina da tempo prova a convincere Bruxelles con le buone e con le cattive a lasciar perdere l’idea di inserire una carbon border tax nella riforma dell’ETS europeo. Finora con risultati scarsi.

I grandi paesi industrializzati dell’UE sono tra i primi responsabili del cambiamento climatico, quindi non possono scaricare il peso della transizione ecologica su paesi terzi imponendo dei ‘dazi climatici’. Così ragionano Pechino, Nuova Delhi, Pretoria e Brasilia, che temono di subire danni consistenti al loro export e per di più in una fase di contrazione economica dovuta alla crisi scatenata dalla pandemia.

Leggi anche L’industria UE sfodera gli artigli sulla carbon border tax

L’Unione Europea sta lavorando per avere pronta a giugno la riforma dell’ETS europeo, inclusa la parte sul carbon border mechanism adjustment (CBAM) che è il nome tecnico della tassa sul carbonio alla dogana europea. Il vice presidente della Commissione con delega al clima, Frans Timmermans, di recente ha fatto sapere che per Bruxelles il CBAM è uno strumento essenziale da introdurre se la COP26 non sarà abbastanza ambiziosa. Qualche spiraglio per negoziare quindi rimane.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui