Medicina tradizionale cinese: ancora diffuso l’impiego di fauna selvatica

Sebbene una norma del governo cinese preveda il divieto di consumo di fauna selvatica pur consentendo l’uso per scopi medicinali, nella medicina tradizione la distinzione non si applica

Le autorità locali cinesi fanno poco per far rispettare la legge contro il commercio della fauna selvatica

(Rinovabili.it) – Se il governo di Pechino prepara leggi per vietare il commercio di fauna selvatica, le istituzioni locali cinesi sembrano fare poco affinché qualcosa cambi davvero. A fine febbraio, infatti, Pechino ha imposto un divieto permanente al commercio di animali selvatici. Tuttavia, attività come il commercio di pellicce e il commercio di fauna legato alla medicina tradizionale sembrano già essere tornate alle consuetudini pre-covid.

Sebbene le regioni della super potenza asiatica stiano formalmente prendendo provvedimenti per mettere in atto la legislazione, con le province di Hunan e Jiangxi (famose per l’allevamento di fauna selvatica) che hanno promesso di rilasciare gli animali in cattività, sono state già trovate delle scappatoie affinché la norma venga raggirata.

Leggi anche Mercati di fauna selvatica: da eliminare per il 93% degli asiatici

Le autorità centrali cinesi hanno già preso provvedimenti contro decine di negozi online che vendono lucertole, pavoni e persino volpi artiche. Ma alcuni prodotti associati alla medicina tradizionale cinese rimangono in vendita, riflettendo le ambiguità legali e una forte domanda di rimedi popolari. I commercianti, ad esempio, hanno dichiarato di poter ancora raccogliere il guano di pipistrello e venderlo per la yemingsha, una pratica usata per trattare i disturbi alla vista e alla milza.

Sebbene la norma preveda il divieto di consumo di fauna selvatica, pur consentendo l’uso per scopi medicinali, nella medicina tradizione cinese la distinzione non si applica: gli animali vengono mangiati a causa di presunti benefici medici. “Dagli anni ’80, il consumo di animali selvatici è stato promosso nei rimedi tradizionale legati al trattamento della fertilità, la longevità e la lotta contro il cancro, ed è senza dubbio una potente lobby, ha dichiarato Peter Li, specialista di politica cinese per Humane Society International.

Leggi anche In Sud Africa diminuisce il bracconaggio di rinoceronti

Ad esempio, la bile d’orso è un componente del tanreqing, un trattamento di medicina tradizionale raccomandato per il covid-19. La bile proviene da allevamenti industriali esenti dai divieti, sebbene la pratica sia stata bollata come crudele da attivisti per il benessere animale. Tuttavia, non è ancora chiaro come industrie del calibro di Guizhentang e Shanghai Kaibao Pharmaceutical – tra i più grandi allevatori di orsi – saranno influenzati dalla nuova legislazione.

“Sarà importante per gli esperti di medicina tradizionale, gli esperti di conservazione della fauna selvatica e le autorità competenti dare un’occhiata alle leggi e ai regolamenti relativi alla medicina tradizionale per assicurarsi che siano coerenti, ha affermato Aili Kang, direttore esecutivo dell’Asia Program della Wildlife Conservation Society . “Proibire severamente l’uso di specie in via di estinzione, indipendentemente dalla popolazione riproduttiva selvatica o in cattività … fa bene sia alla medicina tradizionale, che alla conservazione, ha aggiunto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui