Transizione ecologica, via libera alla riorganizzazione del ministero

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Dpcm. Nasce la direzione innovazione e quella ad hoc per le Valutazioni ambientali. Il nuovo ministero si articola in tre dipartimenti e 10 direzioni generali. Per Cingolani “si tratta di un passo fondamentale che consentirà di superare quegli ostacoli burocratici e rendere la pubblica amministrazione efficacemente al servizio dei cittadini e dell’ambiente; diventa la punta di eccellenza di tutta la forza innovatrice del Pnrr e del governo”

transizione ecologica
Credits: MiTE

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Il Cdm ha dato il via libera alla riorganizzazione del ministero della Transizione ecologica. Nel Dpcm si fa presente che le strutture amministrative in precedenza del ministero dell’Ambiente vengono integrate “con le competenze in materia energetica sul piano nazionale e internazionale” che prima erano “assegnate al ministero dello Sviluppo economico”. Questo ha comportato un adeguamento dei compiti e delle funzioni per arrivare a processi più efficienti. Viene prevista l’articolazione del ministero “in tre dipartimenti; la dotazione organica dirigenziale in 13 posizioni di livello generale e 67 di livello non generale”. I dipartimenti sono: amministrazione generale, pianificazione e patrimonio naturale (con l’istituzione della direzione generale innovazione tecnologica e comunicazione); sviluppo sostenibile (che avrà competenze in materia di economia circolare e valutazioni e autorizzazioni ambientali con la creazione di una direzione ad hoc); e il dipartimento energia (con energie rinnovabili e gestione degli incentivi energia).

Il nuovo Mite con il decreto approvato oggi diventa la punta di eccellenza di tutta la forza innovatrice del Pnrr e del governo nel suo insieme – afferma il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani – pronto ad accogliere tutte le sfide sul piano delle politiche ambientali, energetiche e del clima sulle quali il nostro Paese sta giocando un ruolo di primo piano dopo il G20 Ambiente clima energia di Napoli e in vista della prossima Conferenza mondiale sul clima di cui siamo co-organizzatori”.

Le innovazioni apportate “hanno richiesto un adeguamento di compiti e funzioni dei dipartimenti e delle direzioni generali” per “assicurare una più efficace sinergia sui temi della transizione ecologica, un efficientamento dei processi trasversali legati alla gestione delle risorse umane, acquisti, informatica, potenziando, al contempo, l’amministrazione anche grazie alla re-ingegnerizzazione delle attribuzioni dei compiti per grandi temi e per migliorare la capacità di programmazione”. Il “‘nuovo’ ministero si articola in tre dipartimenti e 10 direzioni generali”.

Il dipartimento amministrazione generale, pianificazione e patrimonio naturale (DiAG), articolato in quattro uffici di livello dirigenziale generale: risorse umane e acquisti (RUA); innovazione tecnologica e comunicazione (ITC); attività europea ed internazionale (AEI); patrimonio naturalistico e mare (PNM). Il dipartimento sviluppo sostenibile (DiSS), articolato i tre direzioni generali: economia circolare (EC); uso sostenibile del suolo e delle risorse idriche (USSRI); valutazioni ambientali (VA). Il dipartimento energia (DiE), articolato in tre direzioni: infrastrutture e sicurezza (IS); competitività ed efficienza energetica (CEE); incentivi energia (IE).

“La nuova articolazione – viene rilevato dal ministero – permetterà di incrementare la dotazione di personale e avviare una digitalizzazione dei processi, rispondendo alle nuove esigenze legate alla realizzazione delle iniziative e dei progetti collegati al Pnrr. Anche la nuova vocazione sul piano delle relazioni internazionali ne risulta rafforzata nei confronti dell’Unione europea e degli organismi internazionali”. “Si tratta di un passo fondamentale per dare piena operatività alla transizione ecologica attraverso l’impiego degli strumenti e delle risorse del Pnrr – osserva Cingolani – sarà una vera e propria rigenerazione che consentirà di superare quegli ostacoli di origine burocratica, tecnologica e strutturale e rendere la pubblica amministrazione efficacemente al servizio dei cittadini e dell’ambiente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui