Phase down delle fossili, anche l’Ue è per approvarlo alla COP27

I negoziati a Sharm vanno sempre a rilento, ma potrebbe arrivare un piccolo, forse quasi solo simbolico, passo avanti da un dossier che non era tra i più centrali in agenda. L’ok a ridurre gradualmente l’uso di carbone deciso a Glasgow potrebbe allargarsi a petrolio e gas

Infrastrutture fossili: nel mondo in costruzione 24mila km di nuove pipeline
Photo by Helio Dilolwa on Unsplash

La proposta originaria sul phase down delle fossili arriva da Nuova Delhi

(Rinnovabili.it) – Mentre i negoziati a Sharm el-Sheikh proseguono senza colpi di scena e un accordo sui temi più caldi sembra lontanissimo, una vittoria “di bandiera” potrebbe arrivare da un dossier che non è mai stato realmente in agenda. Ma che sta iniziando a raccogliere consensi. Si tratta del phase down delle fossili, la riduzione graduale dell’uso di tutte le fonti fossili.

Lo ha proposto per prima l’India il 12 novembre, all’inizio della seconda settimana di discussioni alla COP27. Da principio l’idea è sembrata cadere nel vuoto. Reazioni poche, speranze ancor meno. Ieri però è arrivato l’endorsement da parte dell’Europa. Il terzo e il quarto inquinatore mondiale sarebbero d’accordo a inserire il phase down delle fossili nella cover decision di Sharm el-Sheikh.

Leggi anche Emissioni fossili da record nel 2022: di questo passo sforiamo Parigi in 9 anni

“Siamo favorevoli a qualsiasi richiesta di riduzione graduale di tutti i combustibili fossili”, ha dichiarato il vice presidente UE con delega al clima Frans Timmermans in una conferenza stampa in Egitto. “Ma dobbiamo anche assicurarci che questa richiesta non sminuisca i precedenti accordi sulla riduzione graduale del carbone, quindi se si aggiunge a quanto già concordato a Glasgow, l’UE sosterrà questa proposta”.

Era stata proprio l’India, un anno fa, a fare lo sgambetto al Patto sul clima di Glasgow sulle fossili. All’ultimo secondo, il delegato di Nuova Delhi aveva chiesto (e ottenuto) di modificare il phase out in phase down, l’eliminazione in riduzione. Non di tutte le fossili ma solo del carbone.

Leggi anche COP26, cosa ha deciso il Patto sul clima di Glasgow sul taglio delle emissioni?

Troppi entusiasmi sarebbero fuori luogo, anche se questa proposta dovesse trovare posto nella decisione finale della COP27. Impegnarsi per ridurre gradualmente le fossili non è garanzia, di per sé, dell’azione rapida, entro questo decennio, di cui c’è bisogno per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. Può diventare facilmente uno specchietto per le allodole, un target di lungo periodo buono più per un paese che vuole ripulire la sua immagine climatica che per il clima stesso.

Articolo precedenteChi finanza la corsa alle fossili africane?
Articolo successivoDalle alghe marine cibo, energia e materiali innovativi per l’Europa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui