I costruttori sul Recovery, senza riforme si riuscirà a fare meno della metà del Pnrr

Il presidente dell’Ance Gabriele Buia in audizione alla Camera sul Pnrr. “Con le regole e il modello decisionale attualmente in vigore, meno del 50% del Piano potrà essere realizzato. Nel nostro Paese servono circa 5 anni per realizzare, collaudare e rendicontare opere inferiori a un milione di euro e più di 15 anni per le grandi opere”.

Pnrr, audizione Ance: "Riforme subito o il Piano è dimezzato"
credits: Frits de Jong da Pixabay

Recovery e Pnrr sono una “partita decisiva per il nostro futuro e soprattutto per quello delle nuove generazioni”

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Senza le necessarie riforme, e con le regole di adesso, si riuscirà a fare meno della metà del Piano indicato nel Recovery. E’ questo il cuore del ragionamento del presidente dell’Ance Gabriele Buia portato in audizione alle commissioni riunite Bilancio e Ambiente alla Camera sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Importante cambiare il sistema almeno su due fronti: la riforma della Pubblica amministrazione (“la madre di tutte le riforme per la crescita economia e per il settore delle costruzioni”) e quella della Giustizia (“il malfunzionamento frena imprese e cittadini”).

“Con le regole e il modello decisionale attualmente in vigore, meno del 50% del Piano potrà essere realizzato – osserva Buia e al settore delle costruzioni vengono destinate circa la metà delle risorse complessive previste dal Piano”. Quella del Recovery è una “partita decisiva per il nostro futuro e soprattutto per quello delle nuove generazioni; e la si deve giocare per vincere. Occorrono quindi decisioni immediate, lungimiranti e coraggiose”.

Leggi anche Piano nazionale di ripresa e resilienza: ecco il cuore verde del PNRR

Secondo il presidente dei costruttori “nel nostro Paese servono circa 5 anni per realizzare, collaudare e rendicontare opere inferiori a un milione di euro e più di 15 anni per le grandi opere”, quelle cioè “oltre i 100 milioni di euro”. Poi “dopo sette anni, abbiamo speso solo il 6% del Fondo sviluppo e coesione e il 40% dei Fondi strutturali europei, e della Legge di Bilancio del 2017 sono state bandite le gare per utilizzare le risorse disponibili a dicembre del 2020”.

La convinzione di Buia è che servano “scelte in grado di eliminare le incrostazioni amministrative e le vecchie prassi che ci impediscono da anni di crescere e va anteposto il benessere collettivo agli interessi di parte. I nostri mali li conosciamo bene: è giunta l’ora di rimboccarci le maniche e di trovare insieme quelle soluzioni che possono veramente invertire la rotta e tornare a creare un clima di fiducia nel Paese”. Anche perché – va sul pratico il presidente dell’Ance – un bando non vuol dire cantiere e (nella realtà) “tra la pubblicazione di un bando e l’apertura di un cantiere passano anni”. Inoltre, sempre per rimanere sul funzionale, dice: “Il codice Appalti, come dimostra il frequente ricorso alle figure commissariali e le continue deroghe, ha fallito il suo compito e sarebbe ora di voltare pagina”.

Questo, tenendo presente che il Recovery richiede anche che il 70% delle opere siano appaltate entro il 2022. Per Buia è necessario un intervento “subito”; bisogna “cambiare radicalmente il sistema” altrimenti “rischiamo ancora una volta di non riuscire a utilizzare i finanziamenti”. Quello che chiedono i costruttori è un intervento sul metodo di governance, sulle procedure snelle e su un quadro di risorse “disponibili e immediatamente spendibili”; su questo pensa a una cabina di regia a palazzo Chigi.

Leggi anche Wwf sul Pnrr: non chiarisce come destinare il 37% risorse per ambiente

Tra i punti principali ritenuti più urgenti dall’Ance sul Pnrr c’è “un grande piano di rigenerazione urbana per ripensare e adattare le nostre città alle nuove esigenze sociali, economiche e tecnologiche; un vero Piano di messa in sicurezza del territorio e delle infrastrutture” con un programma di “interventi orientato alla sostenibilità, che comprenda interventi per l’attenuazione dei rischi naturali, idrogeologico e sismico, e interventi nelle infrastrutture sociali necessarie per gestire la crescente domanda di servizi sociali: sanità, istruzione, edilizia abitativa e mobilità. Senza dimenticare le reti di collegamento, ferroviarie e stradali, necessarie per rilanciare la competitività e ridurre il divario tra le diverse aree del Paese”.

Ma c’è anche le necessità di proroga del superbonus al 110%, che rappresenta una grande opportunità per la riqualificazione in chiave di sostenibilità del patrimonio edilizio italiano esistente”. E non si può andare avanti senza la digitalizzazione del Paese: “Non si può parlare di futuro senza affrontare con serietà e determinazione un tema sul quale l’Italia è in ritardo anni luce rispetto ad altri partner internazionali”.

Articolo precedenteLa corporate social responsibility di Arval ottiene il livello Platinum di EcoVadis nel 2020
Articolo successivoAbbandonare la Carta dell’energia, la Francia apre la strada per i Paesi Ue

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui