Rimozione della CO2: l’UE prepara lo schema di certificazione

La bozza della proposta legislativa UE, vista in anteprima da Euractiv, contiene un meccanismo di certificazione per la cattura e il sequestro della CO2 dall’atmosfera. Le rimozioni dovranno rispondere a una griglia di criteri che assicurano che siano genuine, durature e monitorabili

aste co2
via depositphotos.com

La proposta di Bruxelles per standardizzare il carbon removal

(Rinnovabili.it) – Un sistema di monitoraggio a maglie strette per garantire che la rimozione della CO2 sia reale. E un ventaglio di modalità possibili per aumentare il sequestro di anidride carbonica che include anche opzioni controverse come il carbon farming. È il contenuto della proposta legislativa che istituirà uno schema di certificazioni per i carbon removal, che l’UE presenterà il 30 novembre.

L’Europa “non è sulla strada giusta” per raggiungere gli obiettivi di rimozione della CO2 che si è data, riconosce la bozza di provvedimento visto in anteprima dal portale Euractiv. La strategia per i cicli di carbonio sostenibili, presentata lo scorso dicembre, prevede un mix di soluzioni basate sulla natura e soluzioni industriali. Per entrambe, però, è necessario un meccanismo di verifica dei risultati ottenuti.

Leggi anche Bruxelles accarezza la cattura diretta dall’aria

A questo obiettivo risponde la proposta legislativa. Lo schema di certificazione per la rimozione della CO2 è costruito in modo da garantire che i carbon removals sono genuini, duraturi e monitorati. Trasparenza e credibilità saranno i pilastri del processo di valutazione, continua la bozza.

Come funzionerà nella pratica questo sistema? Le quantità di anidride carbonica rimossa dall’atmosfera potranno essere certificate se rispondono a una griglia di criteri, tra cui l’aver avuto un impatto sull’ambiente positivo o neutrale, se creano un guadagno netto nella presenza di CO2 in atmosfera, se sono aggiuntive rispetto ad altri target di taglio emissioni, e le garantiscono una durabilità nel tempo e la possibilità di essere monitorate.

Leggi anche In funzione Orca, l’impianto cattura CO2 più grande al mondo

Sono tre i metodi di rimozione e stoccaggio del carbonio presi in considerazione dalla proposta legislativa ai fini della certificazione: la rimozione permanente, lo stoccaggio del carbonio nei prodotti e il carbon farming. Metodi che variano in termini di maturità, efficacia dei costi e costi di monitoraggio, nota il testo.

Alcuni di questi presentano però degli aspetti controversi. Lo stoccaggio di CO2 nei suoli può presentare problemi di quantificazione e, soprattutto, è esposto a un nuovo rilascio di anidride carbonica in atmosfera. Lo stoccaggio di CO2 in prodotti, tipicamente materiali per l’edilizia, potrebbe non garantire una durata sufficiente per avere un impatto positivo sul clima.

Articolo precedenteLe emissioni della Cina continuano a scendere, ma non durerà
Articolo successivoCittà sostenibili, WorldGBC: il 2050 net-zero parte dall’Africa, qui l’80% degli edifici ancora non esiste

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui