UE-Mercosur: l’impatto su ambiente e diritti umani è stato sottostimato

Per l’ong Imazon il trattato causerà più deforestazione e danni maggiori alle comunità indigene del previsto. “Adesso l’Europa chieda garanzie sul rispetto dei diritti umani”

UE-Mercosur
Via depositphotos.com

I negoziati sul trattato UE-Mercosur sono ancora congelati

(Rinnovabili.it) – L’impatto del trattato UE-Mercosur sull’ambiente, la deforestazione e le popolazioni indigene? Finora è stato ampiamente sottovalutato, anche da parte dei ricercatori indipendenti. Lo sostiene un nuovo rapporto di Imazon, una ong brasiliana attiva nella promozione dello sviluppo sostenibile e della conservazione dell’Amazzonia.

Le critiche al trattato UE-Mercosur si sono moltiplicate negli ultimi mesi e arrivano da più parti. Al centro le preoccupazioni per l’aumento della deforestazione in Amazzonia, che sarebbe incentivata ad esempio dall’eliminazione del 93% delle barriere doganali sul commercio di soia. Preoccupazioni suffragate da due studi, richiesti dalla Commissione europea e dalla Francia, e impugnati per chiedere più garanzie all’area Mercosur prima dell’approvazione definitiva del trattato.

Leggi anche L’accordo di associazione UE-Mercosur ignora clima e ambiente

Ma questi studi fotografano solo una parte delle criticità. La ricerca di Imazon aggiunge un tassello: non si chiede soltanto che impatto ambientale si potrà verificare, ma anche in quali aree specifiche la deforestazione potrebbe accelerare. Risultato? Con questo approccio a grana fine, Imazon riesce a dimostrare anche le ripercussioni sociali e sulle popolazioni indigene del trattato UE-Mercosur.

Molte delle aree a maggior rischio di deforestazione a causa dell’aumento dell’attività agricola confinano con i territori indigeni, si legge nel rapporto. Lo smantellamento delle protezioni per questi territori renderà più difficile che mai, per le comunità, opporsi alla deforestazione sulle loro terre. Questo in particolare nella parte orientale e meridionale dell’Amazzonia, negli stati di Parà, Mato Grosso e Rondonia.

Leggi anche Francia: stop al trattato UE-Mercosur

Per questo motivo, sostiene Paulo Barreto di Imazon, nei negoziati sul trattato UE-Mercosur l’Europa “dovrebbe premere affinché le società che vogliono accedere al mercato si impegnino a rispettare gli standard internazionali” non solo per quanto riguarda l’ambiente, ma anche rispetto “ai diritti umani”.

Il trattato al momento è congelato. I prossimi passi sono l’ok del Consiglio europeo, poi l’approvazione da parte dell’Europarlamento, e infine la ratifica da parte di ciascuno dei paesi membri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui