Protezione ambientale: ora per la Cina vale più della crescita economica

Nella nuova legge in elaborazione pare che la Cina voglia sottolineare l’importanza della protezione ambientale anteponendola alla crescita economica

Protezione ambientale(Rinnovabili.it) – Per combattere efficacemente l’inquinamento e aumentare il tasso di protezione ambientale la Cina ha deciso di puntare sul rafforzamento della Legge nazionale in materia di tutela.

Tra le novità l’introduzione, anticipata da Reuters, di un aumento del numero di funzionari particolari dotati di ampi poteri in materia di contrasto dell’inquinamento e di lotta alla criminalità ambientale. 

Lo scopo del governo cinese è quello di passare una nuova legislazione che sancisca il principio della priorità della protezione dell’ambiente sulla crescita economica, una mossa che potrebbe avere importanti implicazioni per il più grande inquinatore del mondo, secondo i nuovi rapporti da Reuters.

 

Una serie di notizie negli ultimi mesi hanno confermato che la Cina sta lavorando alla stesura di un nuovo programma ambientale che riesca a mettere fine al continuo superamento dei limiti di emissioni continuamente registrati nelle grandi città da ottobre ad oggi. I negoziati, ha confermato l’agenzia stampa, pare stiano procedendo a gonfie vele e potrebbero dare importanti risultati qualora veramente la tutela ambientale divenisse una priorità rispetto alla crescita economica.

“Confermare la protezione ambientale come principio fondamentale è un cambiamento enorme, e sottolinea che l’ambiente è una priorità,” ha dichiarato Cao Mingde, un professore di diritto presso l’Università della Cina di Scienze Politiche e Giurisprudenza aggiungendo che il ministero dell’Ambiente dovrebbe avere maggiori poteri per bloccare le aziende che non riescono a rispettare norme ambientali più severe e abbassare drasticamente la produzione di inquinanti, dannosi per l’ambiente e per la salute dei cittadini.

Articolo precedenteLa prima micro turbina eolica…da borsetta
Articolo successivoSacchetti di plastica: la riduzione in Ue è dell’80% entro il 2019