ReMedia: “Bene la messa in chiaro dell’eco-contributo”

Mettendo in chiaro il valore dell’eco-contributo andrà a migliorare il rapporto produttore-consumatore, aumentando la consapevolezza dell’importanza della corretta gestione dei RAEE

(Rinnovabili.it) – E’ stato approvato ieri alla Camera il Decreto rifiuti n. 1/2013 che, modificando il precedente D.Lgs. 151/2005, conferma la possibilità per i Produttori di evidenziare in fattura, separato dal prezzo, l’eco-contributo.  Ad esprimersi positivamente il consorzio per la gestione e lo smaltimento dei Rifiuti da Apparecchiature elettriche ed Elettroniche Remedia, per voce del Direttore Generale Danilo Bonato.

Grazie all’approvazione del Decreto è stato eliminato il limite temporale che costringeva i produttoria decidere, entro il 13 febbraio, se comunicare esplicitamente o meno all’acquirente, al momento della vendita di nuovi prodotti, i costi sostenuti per la raccolta, il trattamento, il recupero e lo smaltimento dei RAEE vietandone la comunicazione oltre il 14 febbraio 2013.

 

Grazie alle nuove procedure e alla messa in chiaro dell’eco-contributo il produttore può utilizzare liberamente il valore della tassa consentendo una gestione dei RAEE più efficace e di maggiore qualità.

In questo modo diventa più trasparente il rapporto tra produttore e consumatore che, al momento dell’acquisto, conosce l’importo del contributo che servirà allo smaltimento del dispositivo giunto a fine vita.

 

“Nel valutare l’importanza dell’approvazione del Decreto n. 1/2013 avvenuta ieri è necessario tenere presente che l’eco contributo visibile potrebbe avere un ruolo centrale per assicurare un adeguato e equo finanziamento del Sistema al momento del recepimento della Direttiva Europea previsto per il 2014” ha dichiarato Bonato.

 

Articolo precedentePeugeot mette l’aria nei suoi motori
Articolo successivoCar sharing gratuito per gli studenti di 8 università italiane