Rifiuti di imballaggio: 8 su 10 vengono recuperati

Nel 1998 i due terzi dei rifiuti di imballaggio finivano in discarica: oggi se ne recupera l’80%, grazie al lavoro di 18 mila persone

Rifiuti di imballaggi 8 su 10 vengono recuperati 2

 

(Rinnovabili.it) – Quasi 8 rifiuti di imballaggio su 10 sono stati avviati a recupero in Italia, generando benefici economici diretti per 891 milioni di euro e consentendo un risparmio di 3,3 milioni di tonnellate di materie prime. Senza contare i 3,5 milioni di tonnellate di CO2 evitati. Sono i dati emersi dal report di sostenibilità Conai, ricavati utilizzando la metodologia del Green Economy Report messa a punto dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile. Essa permette di rendicontare il proprio operato ai tre livelli: di organizzazione (impatto delle attività, degli uffici e dei dipendenti), di sistema dei Consorzi (Comieco, Cial, Corepla, Coreve, Rilegno, Ricrea) di industria del riciclo (gli attori impegnati nel settore riciclo degli imballaggi, compresi i gestori indipendenti).

Secondo queste statistiche, nel 2014 la quota di rifiuti di imballaggio in acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro recuperata a livello nazionale è pari al 77,7% dell’immesso al consumo, per un totale di 9,2 milioni di tonnellate. Se nel 1998, anno di inizio delle attività del Consorzio, 2 imballaggi su 3 finivano in discarica, oggi sono soltanto 2 su 10. Questo ha permesso di reimmettere nel ciclo produttivo ben 7,8 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio, +3% rispetto alla precedente rilevazione del 2012.

 

Rifiuti di imballaggi 8 su 10 vengono recuperatiÈ stata risparmiata la produzione di nuova materia prima equivalente a 1,2 miliardi di bottiglie in vetro da 0,75 litri, 300 milioni di risme di carta in formato A4, 30 milioni di pallet in legno, 8 miliardi di flaconi di detersivo in Pet, 1 miliardo di lattine da 33cl in alluminio, e dell’equivalente in peso di 665 Frecciarossa (Etr 1000) per l’acciaio.

L’impatto economico vede 891 milioni di benefici diretti contro 477 milioni di costi sostenuti dal sistema. In questo rapporto è stato calcolato anche l’impatto sociale dell’industria del riciclo: 18 mila impiegati nella gestione dei rifiuti di imballaggio, il 59% che opera nei servizi di raccolta differenziata e il 41% nei servizi di preparazione al riciclo. Ampliando la prospettiva all’industria del riciclo, invece, gli occupati salgono a circa 37.000 unità.

Articolo precedenteRiciclo e urban mining, quali sono le reali potenzialità
Articolo successivoMini casa solare, da Barcellona l’esercizio di stile dei DOM

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui