Rifiuti in mare: gli europei dicano la loro!

Per risolvere il problema dei rifiuti in mare la Commissione Ue invita gli europei a partecipare alla consultazione pubblica aperta fino al 18 dicembre

L'Ue apre la consultazione per i rifiuti in mare(Rinnovabili.it) – In che modo possiamo garantire mari più puliti? Consapevole dell’aumento esponenziale della presenza di rifiuti in mare e negli oceani  e della pericolosità associata a questo fenomeno, la Commissione europea ha dato il via ad una consultazione pubblica, aperta fino al 18 dicembre 2013, per capire come affrontare il problema.

L’80% degli scarti presenti nelle acque, che in totale raggiungono un totale di 10 milioni di tonnellate, sono composti da plastica con conseguenze fatali per numerose specie marine che finiscono per cibarsene erroneamente. Caduti accidentalmente in mare, gettati volontariamente o spinti dal vento i materiali che finiscono in mare anche portati dalla corrente dei fiumi rappresentano un pericolo costante per la stabilità dei delicati equilibri delle acque.

 

Per ridurre i rischi ambientali e il pericolo per la fauna e la flora acquatica la Commissione europea sta valutando la possibilità di impostare un obiettivo UE di riduzione quantitativa per i rifiuti in mare valutando le proposte dei cittadini e degli interessati che parteciperanno alla consultazione.

Il questionario oltre a contenere suggerimenti che il consumatore, i commercianti, l’industria della plastica, il trasporto e la pesca industrie, le ONG, le autorità locali e nazionali e dei responsabili politici possono adottare per ridurre il rischio di inquinamento marino cercano anche di sensibilizzare l’utente facendo capire l’importanza della prevenzione.

Una volta chiusa, la consultazione darà nuovi spunti e idee utili per l’elaborazione degli obiettivi di riduzione dei rifiuti marini da adottare entro il 2014.