Rifiuti: le smart tech gestiscono con intelligenza gli RSU

Le smart tech possono sostenere il settore dei rifiuti provvedendo ad un corretto trattamento e al recupero energetico, parola di Navigant Research

rifiuti(Rinnovabili.it) – Le smart technology stanno conquistando anche il settore dei rifiuti, con entrate che tra il 2014 e il 2023 potrebbero superare i 42 miliardi di dollari. Ad analizzare il comparto una nuova ricerca condotta dalla Navigant Research, certa che i rifiuti stiano diventando ogni giorno di più una risorsa strategica.

Il rapporto “Smart Waste” ha analizzato il mercato globale delle tecnologie intelligenti legate ai rifiuti con un focus su quattro segmenti applicativi: la raccolta, l’elaborazione, il recupero dell’energia e lo smaltimento, analizzati in chiave smart con lo scopo di migliorare la raccolta dei rifiuti solidi urbani, la produzione di energia green, l’ottimizzazione delle prestazioni ambientali nelle discariche. Attualmente sono numerose le amministrazioni comunali e le società che adottando smart technology per il trattamento dei rifiuti hanno tratto giovamento gestendo in maniera “intelligente” la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

 

“Al centro della rivoluzione intelligente per la gestione degli RSU si trova un focus sui rifiuti come risorsa rinnovabile strategica recuperando i materiali e recupero energetico”, ha affermato Mackinnon Lawrence, direttore della ricerca per Navigant Research. “Dato che il volume totale dei rifiuti prodotti a livello globale è destinato a crescere di quasi il 50 per cento nei prossimi 10 anni, l’adozione di tecnologie innovative per rifiuti solidi urbani è al tempo stesso una opportunità di business e un imperativo ambientale” ha concluso Lawrence.

Articolo precedenteCarbone: stop al progetto di conversione di Porto Tolle
Articolo successivoBiomassa: IRENA evidenzia un potenziale per il green future

1 commento

  1. L’argomento rifiuti solodi urbaniresta bloccato al loro riciclo.Esso deve essere concluso con il loro smaltimento totale.Si parla ancora di discariche ed inceneritori,benchè siano troppo costosi ed inquinanti.Darò spiegazioni precise su un nuovo sistema brevettato che si basa sull’impasto dei r.s.u. ed altri inerti restanti nel calcestruzzo,producendo così blocchi cementizi in qualsiasi forma e misura,adatti per molti impieghi e commerciabili.Costa meno di qualsiasi altro sistema e non inquina.Non si spiega per quale motivo gli amministartori che lo conoscono lo scartino sistematicamente.Intanto chi paga è il cittadino,anche se le bollette continuano a levitare prepotentemente, malgrado la sofferenza che crea l’attuale crisi economica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui