Le rinnovabili scozzesi compensano le emissioni dei trasporti

Grazie agli impianti eolici e alle caldaie a biomasse le rinnovabili scozzesi riescono ad evitare il rilascio in atmosfera dell’equivalente inquinante prodotto dal settore trasporti

Rinnovabili: eolico e biomassa in Scozia(Rinnovabili.it) – Le rinnovabili scozzesi stanno facendo un ottimo lavoro: lo ha annunciato il governo dopo la pubblicazione dei dati che rivelano come le turbine eoliche e le caldaie a biomasse stiano neutralizzando l’inquinamento prodotto dal trasporto stradale e ferroviario.

 

In risposta ad una interrogazione parlamentare del mese scorso, il Ministro dell’Energia Michael Fallon ha confermato che l’energia rinnovabile in Scozia nel 2012 ha evitato la produzione di 10, 3 megatonnellate di CO2 con un aumento del 24% rispetto al 2011.

Niall Stuart, capo esecutivo dell’associazione di categoria Scottish Renewables ha precisato che 10 milioni di tonnellate di CO2 sono l’equivalente di circa il 99 per cento delle emissioni di anidride carbonica generate dal trasporto stradale e ferroviario in Scozia. “Il rapporto sulle variazioni del clima di IPPCha rafforzato la necessità di un’azione concertata per ridurre le emissioni, anche indirizzata a limitare l’impatto del riscaldamento globale, e questi dati dimostrano che gli investimenti nelle energie rinnovabili stanno già dando dei risultati”, ha detto in una dichiarazione.

 

Diffusa la notizia anche Lang Banks, direttore del WWF Scozia, ha espresso le proprie considerazioni rivelando che le rinnovabili in Scozia stanno dando un contributo fondamentale nella riduzione delle emissioni inquinanti e nel rallentamento delle conseguenze negative determinate dal cambiamento climatico. Tale contributo è destinato a crescere se continueremo a muoverci sempre più per garantire che tutta la nostra energia elettrica provenga da fonti prive di inquinamento”, ha detto Banks in una dichiarazione.