Trino: inizia lo smantellamento dell’isola nucleare

Secondo quanto illustrato da Sogin, il decommissioning della centrale E. Fermi richiederà 234 mln di euro e produrrà 234.000 tonnellate di rifiuti, di cui 2.000 radioattivi

(Rinnovabili.it) – Adeguamenti dei depositi temporanei, realizzazione delle facilities di supporto ai lavori di decommissioning, smantellamento dei sistemi e dei componenti dell’isola nucleare e rilascio del sito senza vincoli di natura radiologica. Sono queste le quattro fasi con le quali Sogin Spa procederà allo smantellamento e alla bonifica della centrale nucleare Enrico Fermi di Trino, in provincia di Vercelli; un’operazione per la quale saranno necessari 234 milioni di euro.

 

Decine di migliaia le tonnellate di materiale di scarto (214.000 tonnellate) che si stima saranno prodotte dalle operazioni di smantellamento; di queste, 2.000 sono rifiuti radioattivi, che saranno stoccati in sicurezza nell’impianto e che Sogin Spa intende conferire al Deposito Nazionale quando (e se) quest’ultimo vedrà la luce. Il piano delle operazioni, che è stato illustrato questa mattina, arriva dopo che alcune attività di bonifica risultano ad oggi già effettuate: sono state infatti demolite le torri di raffreddamento, abbattuta la torre meteorologica, decontaminati i generatori di vapore, smantellati gli edifici che ospitavano i generatori diesel d’emergenza e la turbina, rimossa la traversa sul Po e i sistemi ausiliari non contaminati della zona controllata, bonificato l’amianto.

 

Per placare l’eventuale polverone di polemiche che certi certe circostanze riescono a creare, la Società ha tenuto a precisare che: «Tutte le operazioni saranno autorizzate dagli Enti e Istituzioni, locali e nazionali, preposti a sovrintendere e sorvegliare, ciascuno per la propria competenza, allo svolgimento della bonifica ambientale del sito ed alla gestione dei rifiuti radioattivi. A garanzia della sostenibilità ambientale, gli interventi saranno progettati, realizzati e monitorati in modo da non produrre alcun impatto sia “radiologico” sia “convenzionale” sull’ambiente». Per arrivare al prato verde, ovvero al sito libero da vincoli radiologici, occorrerà aspettare fino al 2024.

Articolo precedenteIl CSP di FERA candidato al CSP Today Award
Articolo successivoIl Messico prenderà eco lezioni dalla Germania