Tutti in piazza alla Marcia per il Clima

In tutto il mondo migliaia di eventi avranno lo scopo di mandare un messaggio forte ai leader globali. In Italia, scalda i motori la Marcia per il Clima

Il mondo intero marcia per il Clima

 

(Rinnovabili.it) – Parigi sarà blindata, ma Roma ancora una volta sarà una città aperta e gli attivisti ne approfitteranno per scendere in piazza, dando vita alla Marcia per il Clima. Domenica, 29 novembre, la capitale d’Italia sarà uno dei 2 mila centri urbani che, in tutto il mondo, attireranno il movimento di organizzazioni, associazioni e semplici cittadini che chiedono alle élites globali un patto coraggioso e vincolante per la riduzione delle emissioni che causano i cambiamenti climatici. Intanto, sperando di dare un segnale positivo all’opinione pubblica, l’ONU ha sollecitato l’inizio della COP un giorno prima. Un gruppo di lavoro, pertanto, si incontrerà già domani, in corrispondenza della Marcia per il Clima. A Parigi, dopo che il governo francese ha vietato ogni manifestazione nella città che ospita il summit, sarà ugualmente inscenata una marcia simbolica, con decine di migliaia di scarpe posizionate lungo il percorso che era stato previsto per il corteo.

L’appello dei francesi è stato raccolto da decine di città di ogni continente. Ad Aukland,, in Nuova Zelanda, con una spettacolare Haka di massa, la tradizionale danza maori. Le Filippine ospiteranno manifestazioni nelle sei maggiori città, coinvolgendo le comunità che hanno sofferto l’impatto devastante di cicloni sempre più violenti. E mentre a San Paolo il ritmo delle percussioni invaderà le strade, a Beirut, dove per domenica si aspettano piogge torrenziali, migliaia di persone marceranno ugualmente con ombrelli colorati.

 

A Roma, la Marcia Globale per il Clima è organizzata dalla Coalizione italiana clima, nata per dare la parola ai cittadini in previsione della COP21. Ad essa aderiscono oltre 150 soggetti fra sindacati dei lavoratori e organizzazioni nazionali e locali della società civile, degli agricoltori, di solidarietà internazionale e di difesa dei diritti umani, ambientaliste, confessionali, sindacali, movimenti sociali ed enti locali.

Anche Rinnovabili.it ha partecipato alla costruzione del percorso e aderisce alla manifestazione. Un corteo per il clima e per la pace partirà a Roma, alle ore 14, da Campo de Fiori per raggiungere via dei Fori imperiali dove si terrà un grande concerto alle 17. Si alterneranno sul palco Bandabardò, Dolcenera, Meganoidi, Têtes de Bois,  Kutzo, Sandro Joyeaux e molti altri, presenteranno Massimo Cirri e Sara Zambotti, conduttori di Radio due.

Ma il nostro Paese è punteggiato di eventi delocalizzati rispetto al corteo centrale. Eccone una mappa.

 

Articolo precedenteDeforestazione: per l’Amazzonia un 2015 di tormento
Articolo successivoWohnwagon, una mini casa off-grid con la fitodepurazione sul tetto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui