UE e Marocco insieme per la pesca sostenibile

Per dare maggiore vigore all’accordo di partenariato Maria Damanaki per l’Ue e Aziz Akhannouch per il Marocco hanno firmato il protocollo quadriennale per la pesca sostenibile

Accordo per la pesca tra Ue e Marocco(Rinnovabili.it) – La salute del Pianeta si sa, dipende anche dal mantenimento degli equilibri dei mari. Corsi d’acqua e bacini hanno infatti un ruolo fondamentale per gli ecosistemi e, per proteggerli, una delle strade virtuose da percorrere passa per la tutela della fauna ittica. Per questa ragione la Commissione europea ha comunicato di aver siglato con il Marocco un accordo che prevede il controllo razionale della pesca, al fine di non danneggiare gli stock ittici a disposizione.

 

Della durata di 4 anni l’intesa, firmata dal Commissario europeo per gli Affari Marittimi Maria Damanaki e dal ministro marocchino dell’agricoltura e della pesca Aziz Akhannouch il protocollo si concentra sull’importanza del contributo al settore della consulenza scientifica, della redditività economica, della buona governance e del rispetto del diritto internazionale con l’obiettivo di garantire la sostenibilità delle attività e della pesca.

 

È un momento importante per le attività di pesca dell’UE e del Marocco. Questo accordo garantirà un futuro sostenibile al settore a livello locale e risulterà vantaggioso per tutti. Il nuovo protocollo è in linea con i principi della riforma della politica comune della pesca dell’UE in quanto garantisce una governance responsabile della pesca a livello internazionale” ha dichiarato la Damanaki.

 

Siccome il settore della pesca del Marocco comprende ben 6 categorie di pesca gestite da segmenti di flotta industriali e artigianali sono numerosi i singoli paesi che vorrebbero stringere accordi con la nazione, anche nella speranza di dare vivacità all’economia, tra questi Spagna, Portogallo, Italia, Francia, Germania, Lituania, Lettonia, Paesi Bassi, Irlanda, Polonia e Regno Unito.