Da Regione avviso sulla mobilità elettrica

Per la concessione di contributi a fondo perduto finalizzato all’acquisto di veicoli nuovi a motore elettrico, il governo lucano ha stanziato 1.114.918,49 euro

ricarica domestica

Stanziati 1,1 mln di euro

La Giunta regionale della Basilicata, nella seduta odierna, ha approvato l’Avviso pubblico “Contributi per la mobilità elettrica in favore delle Mpmi operanti nel settore turistico della Basilicata”, che verrà pubblicato sul Bur nei prossimi giorni. Per la concessione di contributi a fondo perduto finalizzato all’acquisto di veicoli nuovi a motore elettrico, il governo lucano ha stanziato 1.114.918,49 euro. Potranno beneficiarne micro, piccole e medie imprese, titolari di taxi o Ncc, operanti in regione nel settore del trasporto di passeggeri dell’ultimo miglio, del noleggio a breve e brevissimo termine (car sharing e noleggio a breve termine di auto e veicoli con pedalata assistita), dell’ospitalità turistica, delle agenzie di viaggio e della ristorazione. A gestire l’Avviso pubblico in tutte le sue fasi sarà Sviluppo Basilicata, società in house della Regione Basilicata.

A ciascun operatore è consentito l’acquisto di massimo 5 veicoli, per un importo di contributo per ciascun veicolo non superiore a 15 mila euro. In merito alle biciclette a pedalata assistita l’acquisto è consentito ai soli soggetti che svolgono questo specifico tipo di attività e deve riguardare l’acquisto di un numero minimo di 5 biciclette, per un importo massimo di contributo non superiore a 15 mila euro.

“Un’altra misura concreta del governo regionale a favore della transizione ecologica” commenta l’assessore all’Ambiente, Cosimo Latronico. “Le istituzioni – aggiunge Latronico – hanno il dovere di sensibilizzare e accompagnare operatori economici e cittadini verso le nuove forme di mobilità sostenibile che oramai sono intorno a noi, rappresentano quel presente che dobbiamo semplicemente afferrare. È un fatto culturale di cui dobbiamo farci carico per tutelare l’ambiente e le generazioni che verranno”.

Articolo precedenteGran Sasso: Marsilio, finalmente un punto di svolta per la sicurezza idrica
Articolo successivoScende in piazza il progetto “Cross Water” per un uso più responsabile dell’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui