Idrogeno, Basilicata scelta dal governo per progetto pilota

Bardi: “Siamo stati la Regione del petrolio, del gas, dell’eolico e ora vogliamo diventare la terra dell’idrogeno, anche in vista della transizione energetica e dell’emancipazione dalle fonti fossili”

Hydrogen Valley italiana
via depositphotos.com

Previsto anche un Centro di Alta Tecnologia Nazionale per ricerca e trasferimento tecnologia sulla mobilità ad idrogeno

“Siamo soddisfatti di poter annunciare formalmente che la Basilicata è tra le 5 Regioni scelte dal Governo per presentare i progetti bandiera per quanto riguarda le Hydrogen Valleys. Insieme agli altri colleghi presidenti di Regione, siamo stati ricevuti dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, che ringrazio, per la firma dell’accordo e per iniziare un nuovo percorso di sostenibilità e diversificazione che sarà cruciale per il futuro della nostra Regione.

Attraverso un progetto “Infrastrutturazione di rete, siti di stoccaggio e distribuzione di Idrogeno (H2) e Metano liquido (GNL) nelle principali aree industriali della Regione Basilicata”, e la realizzazione in Basilicata di un Centro di Alta Tecnologia Nazionale per la realizzazione di progetti di ricerca e trasferimento tecnologia sulla mobilità ad idrogeno, la Regione Basilicata si dimostra in prima linea nelle sfide del futuro.

Siamo stati la Regione del petrolio, del gas, dell’eolico e ora vogliamo diventare la terra dell’idrogeno, anche in vista della transizione energetica e dell’emancipazione dalle fonti fossili. L’obiettivo della Basilicata è puntare ad essere la regione ‘Green Hub’ di Italia ma soprattutto a dare benefici concreti a tutti i lucani”.

Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, a margine della cerimonia a Palazzo Chigi.

Articolo precedentePozzilli, nuovo Centro recupero plastica
Articolo successivoAvvio del progetto bandiera dell’Hydrogen Valley: “Consentirà la decarbonizzazione di Taranto”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui