Potenza città verde: firmato protocollo d’intesa Regione – Comune

Berlinguer: “Oggi è diventato prioritario seguire la strada dello sviluppo sostenibile dei territori”

Di Antonio Petrullo – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18272677

Un protocollo d’intesa  tra Regione Basilicata e Comune di Potenza, sul progetto di tutela del paesaggio e della biodiversità del territorio potentino, è stato sottoscritto questa mattina.Un orto botanico a cielo aperto. É questo quello che  l’Assessore Berlinguer vorrebbe vedere avverato a Potenza, sulla base di un’intesa col Comune Capoluogo. Aree verdi ma anche piante più o meno rare, piantate e coltivate dai cittadini, dalle associazioni, dal terzo settore. Una scommessa – spiega l’Assessorato regionale all’Ambiente –  che vale la pena giocare al fine di dare alla Città una veste più salubre, naturale ma anche un’attrattiva per i visitatori ed un momento di apprendimento per bambini, studenti, scolaresche lucane e non. D’accordo l’assessore potentino Argento che tra gli ultimi atti del suo mandato ha voluto includere questo: un protocollo d’intesa sulla valorizzazione green della città. L’architetto Rosanna Argento ha avanzato le proposte di creare una rete ecologica locale, una greenway che si interfacci con l’area urbana e periurbana, ma anche di abbellire il capoluogo con pareti verdi, arredi verticali, allestimenti verdi.

Sul tappeto – sottolinea l’Assessorato all’Ambiente –  non un mero finanziamento ma obblighi di concertazione reciproci ed un progetto nel quale includere il Corpo forestale, le Scuole, e tutto l’associazionismo ecologista. Una bella sfida che Potenza merita di vincere”.

“Oggi è diventato prioritario seguire la strada dello sviluppo sostenibile dei territori – ha affermato l’assessore Aldo Berlinguer – senza dimenticare che il futuro è contenuto nei fondamenti della new economy, se si vorrà discutere di terza rivoluzione industriale.  I processi da avviare dovranno riguardare sia le istituzioni che le popolazioni locali – ha aggiunto – che dovranno affrettarsi a modificare rispettivamente i sistemi produttivi e le abitudini comportamentali”. Soffermandosi su questi temi, l’assessore ha ribadito la necessità di diffondere la cultura del verde nelle popolazioni locali attraverso processi formativi ed iniziative ad hoc. “Si tratta – ha concluso Berlinguer –  di creare una sinergia tra tutte le componenti della società, pubbliche e private, per continuare nel lavoro di sensibilizzazione culturale a tutti i livelli. In Basilicata abbiamo siti di forte interesse naturalistico-ambientale, basti pensare alla Rete Natura 2000. Le nuove politiche possono ripartire da qui”. (Fonte: Regione Basilicata)

Articolo precedenteBugie USA sul costo sociale del carbonio
Articolo successivoDroni ambientalisti mappano le fughe di petrolio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui