Tempa Rossa, presentato lo studio di affidabilità degli impianti

Dopo lo stop degli impianti decisi dalla Regione

Foto di coxci da Pixabay

L’assessorato all’Ambiente, Ispra e Arpab stanno valutando il documento

È stato presentato ieri pomeriggio, in un incontro che si è svolto nella sede del Dipartimento Ambiente ed Energia della Regione Basilicata, lo “studio di affidabilità” degli impianti presenti nel Centro Olio Tempa Rossa, a Corleto Perticara.

Lo rende noto l’assessore regionale all’Ambiente Gianni Rosa, il quale sottolinea che “gli uffici del Dipartimento, supportati dai tecnici dell’Ispra e dell’Arpab, stanno valutando il complesso documento che prevede una serie di interventi da mettere in atto a partire dal prossimo 26 aprile, in coincidenza con la seconda fermata generale degli impianti già programmata a suo tempo. La Regione continuerà a seguire con la dovuta attenzione ogni passaggio delle attività di manutenzione straordinaria degli impianti, che proseguiranno anche dopo la fermata, in un orizzonte temporale più vasto. Continueremo anche ad informare costantemente i cittadini ed a vigilare perché la piena operatività dell’impianto possa avvenire nel pieno rispetto della salute e dell’ambiente”.

All’incontro, coordinato dal dirigente generale del Dipartimento Ambiente Giuseppe Galante, hanno partecipato i rappresentanti della Total, i tecnici della società Rina Services (multinazionale che fornisce servizi di verifica, certificazione, valutazione di conformità, valorizzazione ambientale e consulenza ingegneristica, a cui la Total ha commissionato l’esecuzione dello studio), i funzionari dell’Ufficio Compatibilità ambientale, e, collegati in videoconferenza, i tecnici dell’Ispra e dell’Arpab.

Gli interventi di manutenzione previsti dallo studio di affidabilità sono naturalmente correlati agli eventi che si sono verificati nei mesi scorsi e che hanno indotto la Regione a fermare gli impianti di Tempa Rossa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui