La casa verde che fa risparmiare protagonista di UnoMattina

Le molteplici potenzialità dell’efficienza energetica applicata agli edifici, per risparmiare denaro in bolletta e migliorare la qualità del nostro vivere

1 La casa efficiente che fa risparmiare protagonista di UnoMattina

 

(Rinnovabili.it) – L’efficienza energetica degli edifici e qualità dell’abitare sono i temi cruciali che hanno guidato il consueto appuntamento di Rinnovabili.it con la trasmissione UnoMattina. Ospite negli studi RAI, l’architetto Mauro Spagnolo direttore di Rinnovabili.it, che ha illustrato nel dettaglio le molteplici potenzialità e ricadute che il risparmio energetico e l’efficienza potrebbero avere sul settore edilizio.

 

“Una famiglia media potrebbe risparmiare fino a 1.700 euro l’anno grazie agli interventi di efficientamento energetico”, sottolinea l’architetto Spagnolo, ricordando inoltre la possibilità di recuperare oltre la metà dell’investimento iniziale, grazie alla detrazione fiscale del 65% messa a disposizione per gli interventi di riqualificazione sostenuti sia dai proprietari che dagli inquilini.

 

“In questo sgravio fiscale vengono contemplati tutti gli interventi che consentono di aumentare l’efficienza energetica dell’edificio –  prosegue Spagnolo –  quindi parliamo di interventi sull’involucro, come la sostituzione di vetri, la coibentazione, la sostituzione della caldaia con tecnologie più avanzate come quella della condensazione, il solare termico e infine le pompe di calore”.

 

2 La casa efficiente che fa risparmiare protagonista di UnoMattina

Nonostante il patrimonio edilizio italiano sia prevalentemente composto da edifici vecchi ed insicuri, i progetti virtuosi stanno costantemente moltiplicandosi. E’ il caso di Ostia, documentato dalle telecamere RAI, dove sono state ultimate una serie di palazzine di edilizia popolare in Classe A+ che, grazie al fotovoltaico, al solare termico ed alla geotermia, consentono agli inquilini di raggiungere un risparmio economico pari a 1.000 euro l’anno sulle bollette.

Ma l’impiego delle fonti energetiche alternative e la riqualificazione energetica dell’involucro, potrebbero essere molto di più che un aiuto economico ai singoli consumatori.

 

“Se adottassimo questi nuovi sistemi potremmo dimezzare l’importazione di gas dall’estero per gli usi domestici”, afferma Valerio Rossi Albertini, ricercatore CNR e ospite in trasmissione, “una frazione non irrilevante sul totale, pari a quasi il 30%. Con un ulteriore vantaggio che questo genere di coibentazione consentirebbe di risparmiare non solo sul gas, ma anche sulle altre forme di produzione di energia e di mantenimento della temperatura negli ambienti domestici”.

 

Articolo precedenteMobilità sostenibile: in aumento la vendita di veicoli ecologici
Articolo successivoEolico, ANEV: le aste competitive sono un fallimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui