Un alveare per la biotecnologia

Progettato dai creativi della Lyons Architects, il nuovo green building per l’Institute for Molecular Science di Melbourne, raggiungerà l’ambita certificazione energetica 5-Star Green del GBC Australia

green building

 

(Rinnovabili.it) – La dimostrazione concreta dell’influenza che la natura può avere sulle scelte architettoniche si trova a Melbourne, alla Trombe University, dove sorge un nuovo ed eccellente green building dalla facciata a “nido d’ape” unica nel suo genere.

L’oggetto dell’intervento è l’Institute for Molecular Science, il nuovo dipartimento per la biotecnologia, la nanotecnologia e la scienza dei materiali progettato dai creativi dello studio Lyons Architects seguendo gli standard imposti dal Green Building Council australiano per raggiungere le 5 Star Green dell’efficienza energetica.

 

Grandi spazi aperti e luminosi, ampie vetrate e  sale comuni caratterizzano gli interni di questo green building perfettamente integrato all’edificio preesistente e realizzato nel rispetto delle linee guida sui materiali e le dimensioni dettate dall’istituto universitario.

 

Efficienza molecolare


 

L’aspetto che prima di altri colpisce, è la caratteristica a “nido d’ape” della facciata dell’Institute for Molecular Science, una struttura che ricorda la trama molecolare di molte delle ricerche condotte all’interno degli stessi laboratori.

L’effetto estetico è assolutamente unico, ma le forme che disegnano la facciata vanno ben oltre la semplice forma, rispecchiando le precise esigenze interne.

Gli elementi prefabbricati che escono a sbalzo dalla facciata portano la luce naturale fino agli ambienti più interni dell’Istituto, schermando però i raggi solari diretti ed evitando fenomeni di abbagliamento.

Il pacchetto murario altamente coibentato facilita il raggiungimento dello standard prestazionale richiesto dal GBC Australia per la certificazione 5-Star Green, integrati all’uso efficiente dell’energia elettrica e termica.

 

Tutte le strutture sono inserite in un contesto verde sapientemente progettato, che facilita gli spostamenti interni ed esterni alla struttura e favorire la socialità dei luoghi comuni. Nonostante la costruzione del nuovo dipartimento green sia appena terminata, gli ambienti interni sembrano esistere da sempre, perfettamente integrati al contesto.

 

Articolo precedenteI cambiamenti climatici minacciano la produzione del vino
Articolo successivoSospetta fuga tossica dalla fonderia di rame più grande dell’India