Il rifugio ecosostenibile a prova di ghiacciaio

Dopo l’eco-hotel sul Monte Bianco ecco LEAPrus 3912, il rifugio ecosostenibile energeticamente autosufficiente, costruito sul Monte Elbrus, la vetta più alta d’Europa.

9- Leaprus 3912 - ERifugio ecosostenibile

 

(Rinnovabili.it) – Dopo l’inequivocabile successo del rifugio ecosostenibile LEAP installato sulle vette del Monte Bianco, ecco il nuovo affascinante eco-hotel costruito ad oltre 4.000 metri nel cuore del Caucaso russo.

 

Si chiama LEAPrus 3912,  il nuovo rifugio ecosostenibile autosufficiente che quest’estate ha aperto le sue porte ai temerari scalatori, raggiungendo quasi i 4.000 metri d’altitudine sul Monte Elbrus, una delle vette più alta d’Europa al centro della catena montuosa del Caucaso settentrionale tra il Mar Nero ed il Mar Caspio.

Il merito del progetto va ai professionisti italiani della Leapfactory che, come nel progetto per il Monte Bianco, si sono occupati del disegno e della produzione dei componenti del rifugio ecosostenibile collocato lungo la via normale di salita alla montagna sull’immenso ghiacciaio meridionale.

 

Rifugio ecosostenibile ad energia zero

 

3 -Leaprus 3912 - ERifugio ecosostenibile

 

Sono bastati pochi giorni per trasportare e costruire in quota il rifugio ecosostenibile LEAPrus 3912, composto da quattro edifici completamente prefabbricati ed, ovviamente, autosufficienti dal punto di vista energetico.

 

Dovendo resistere a condizioni climatiche davvero estreme il rifugio ecosostenibile LEAPrus 3912 è stato realizzato con un involucro strutturale ad altissima efficienza energetica, in grado di ridurre drasticamente il fabbisogno energetico dell’edificio per l’illuminazione, il riscaldamento, il trattamento dell’aria  e la produzione di acqua calda sanitaria.

L’involucro esterno, perfettamente coibentato,  è realizzato prevalentemente in legno e con materiali di riciclo dotati di certificazione ecologica; la forma tubolare e il rivestimento esterno, impediscono alla neve o alle precipitazioni di fermarsi sulla struttura, evitando gli interventi di manutenzione, piuttosto complessi data la collocazione.

 

 

Altissima sostenibilità

 10- Leaprus 3912 - ERifugio ecosostenibile

 

Costruire in un luogo incontaminato, immersi in uno scenario naturale incontaminato, tanto splendido quanto spietato, non poteva lasciare nulla al caso.

 Per gestire al meglio tutti gli impianti che alimentano i quattro volumi dello splendido rifugio ecosostenibile LEAPrus 3912, la struttura è stata dotata di un sistema di monitoraggio a comando remoto satellitari per gestire al meglio l’edificio nel corso dell’intero anno ed in tutte le sue numerose componenti:

 

  • un impianto ibrido autonomo per la produzione di energia ad alta efficienza ed integrazione tra le fonti utilizzate, con un innovativo parco di accumulo ecologico al sodio;
  • un sistema di ricircolo dell’aria intera con recupero termico;
  • riscaldamento a pavimento adatto a rispondere anche a bassissime temperature esterne;
  • un sistema di fusione della neve per la fornitura di acqua per l’impianto idrico-sanitario;
  • un depuratore delle acque reflue (LEAPecoR), specifico per l’alta quota, che consente di abbattere quasi totalmente la dispersione di inquinanti organici nell’ambiente
  • illuminazione a basso consumo e LED.