WEEE Cities , il giro del mondo attraverso le metropoli elettroniche

Il Museo del Riciclo porta in mostra ad Ecomondo dodici opere che l’artista Franco Recchia ha realizzato utilizzando parti di vecchi computer, elaboratori industriali e macchine

WEEE Cities , il giro del mondo attraverso le metropoli elettroniche(Rinnovabili.it) – Il riciclo diventa arte e si mette in mostra alla fiera di Rimini. Per il quinto anno il Museo del Riciclo (www.museodelriciclo.it), progetto virtuale del consorzio Ecolight, è protagonista ad Ecomondo con la personale “WEEE Cities – metropolelettroniche” di Franco Recchia: dodici opere realizzate direttamente attraverso il recupero di schede elettroniche, chip, circuiti integrati, processori e pezzi meccanici sono pronte a farsi ammirare nella Hall Sud dei padiglioni della fiera. Dopo  aver esposto all’Agorà Gallery di New York, Recchia porta le sue metropoli elettroniche nello stand del Museo del Riciclo creando un percorso espositivo che tocca le più grandi città del mondo. Dall’Asia estrema di Hong Kong alla periferia di Londra, per arrivare fino alla Grande  riproposta non solamente nella sua skyline, ma anche attraverso gli scorci più suggestivi di Manhattan: dalla quinta strada al Flatiron district. Il tutto ovviamente reinterpretato attraverso i RAEE, per un risultato suggestivo e di grande impatto.

 

“Siamo onorati di poter presentare questa mostra”, premette Walter Camarda presidente di Ecolight, consorzio nazionale per la gestione dei RAEE – rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche – delle pile e degli accumulatori esausti. “I lavori di Recchia, dopo essere stati esposti a New York, arrivano ad Ecomondo per farsi interpreti del messaggio del Museo del Riciclo: l’arte fatta con i rifiuti ci insegna che il semplice gesto quotidiano del riciclo può diventare una forma d’arte e di grande rispetto per l’ambiente”. La mostra allestita nello stand del Museo del Riciclo è stata realizzata grazie alla collaborazione di ArtDefender, società specializzata nella cura del patrimonio artistico privato e pubblico.

Articolo precedenteL’inquinamento minaccia il 40% dell’agricoltura cinese
Articolo successivoLa Germania fa i conti con i tagli al fotovoltaico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui