Nuovi strumenti per un turismo sostenibile nelle Dolomiti

Dolomiti Paganella lancia un software e un manuale di buone pratiche per rendere il turismo sulle Dolomiti sempre più sostenibile

turismo sostenibile

(Rinnovabili.it) – Un software che calcola gli impatti del turismo e un Manuale di Buone Pratiche: Dolomiti Paganella raccoglie la sfida del turismo sostenibile e rilancia con una serie di strumenti per residenti e addetti ai lavori. 

L’obiettivo? Rendere l’Altopiano della Paganella una destinazione di turismo sostenibile, in cui residenti, turisti e natura possano condividere un equilibrio. L’area sarà la prima ad adottare il software Dolomiti Paganella Calculator, sviluppato da Terra Institute e EarthCheck, riferimento globale per le certificazioni di turismo sostenibile. Sia il software che il Manuale sono prodotti di un progetto più ampio, Future Lab 2.0, un laboratorio sui cambiamenti socio-climatici e la ricerca di modelli di sviluppo sostenibili. 

“I primi due anni di Future Lab ci sono serviti per immaginare un nuovo modo di vivere e di fare turismo nella nostra comunità. La seconda fase del progetto ha ora l’ambizioso obiettivo di tradurre in pratica i valori condivisi nella nostra Carta dei Valori e da oggi lavoreremo insieme per trasformare le promesse in azioni reali e concrete che contribuiscano a rendere il turismo sull’Altopiano più sostenibile, con benefici tanto per gli ospiti quanto per i residenti”, ha spiegato Luca D’Angelo, direttore dell’APT Dolomiti Paganella.

Due strumenti per il turismo sostenibile sull’Altopiano della Paganella

Operatori del settore ricettivo, ristoratori, commercianti ma anche istruttori di sci e altre professionalità relative al mondo del turismo potranno utilizzare il software per misurare i costi e i consumi di acqua ed energia, oltre che la quantità di rifiuti ed emissioni prodotte. Il Dolomiti Paganella Calculator fornirà agli utenti il confronto dei valori inseriti con i propri consumi nel tempo e con la media dei consumi degli altri operatori, dando indicazioni su possibili interventi migliorativi. 

Ogni anno il software produrrà poi un report completo delle attività, con relativi suggerimenti e consigli. 

Il progetto ha elaborato anche un secondo strumento per il turismo sostenibile: un Manuale delle Buone Pratiche per aiutare operatori e residenti a modificare il proprio stile di vita e di gestione aziendale, nell’ottica della sostenibilità sociale, ambientale ed economica per quanto riguarda l’efficienza energetica, i consumi idrici, gli sprechi alimentari e la gestione dei rifiuti. 

La distribuzione dello strumento sarà gratuita. 

Articolo precedenteNuovi pannelli solari “dall’oro nero” che l’industria fotovoltaica scarta
Articolo successivoImballaggi, le riserve sul Regolamento UE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui