Turismo congressuale, in arrivo certificazione “green” SEPC

La meeting industry europea si appresta ad accogliere un evento che sancirà il debutto di una certificazione professionale in ambito ambientale. Dal 2 al 4 dicembre prossimi, a Monte Carlo, il via alla formazione

Turismo congressuale
Miek Egberts e Claudia van’t Hullenaar

 

(Rinnovabili.it) – L’industria europea del turismo congressuale celebra una novità. E’ arrivato anche nel vecchio continente, infatti, il Sustainable Event Professional Certificate (SEPC), una delle principali certificazioni ambientali per i professionisti del settore. Un settore, che vede l’Italia fra i primi posti al mondo in termini di eventi ospitati.

Di proprietà dell’Events Industry Council di Washington, che tra i professionisti del settore congressuali è noto per avere creato il Cmp (Certified Meeting Professional), una delle principali certificazioni professionali di quest’industria, il SEPC debutterà in Europa dal 2 al 4 dicembre prossimi dopo essere già diffuso in nord America.

La presentazione avverrà in quei giorni presso l’Hotel Fairmont Monte-Carlo, per iniziativa della DMC InspireME Monte-Carlo di Miek Egberts (specializzata in eventi Mice creativi e di alto profilo) e della società di consulenza Sustained Impact di Claudia van’t Hullenaar. Miek in particolare non è nuova alla ribalta internazionale, avendo ricevuto lo scorso maggio un grande riconoscimento mondiale riservato ai motivatori dell’industria meeting & incentive.

Sia Miek sia Claudia sono impegnate nella sostenibilità, aiutando le organizzazioni a sviluppare soluzioni in tal senso e ad adottare una filosofia green nei loro eventi e nel loro business, a beneficio delle persone, del pianeta e della prosperità globale.

 

>>Leggi qui tutte le notizie su eco-turismo e turismo sostenibile<<

 

PROGRAMMA E CONTENUTI Questa 2 giorni di formazione, rivolta a organizzatori di eventi, a fornitori di spazi e servizi e a chiunque abbia interesse ad approfondire il tema della sostenibilità negli eventi, prevede seminari e prove pratiche volte a illustrare il valore degli eventi sostenibili non solo per l’impatto sull’ambiente, ma anche per la cosiddetta “brand reputation” e per l’economicità dato che gli eventi sostenibili fanno risparmiare.

Focus particolare sarà posto anche su metodi e tecniche di organizzazione sostenibile nonché sulla misurazione dell’impatto ambientale e sulle metodologie di reporting. A conclusione dei corsi, ai partecipanti verrà rilasciato il SEPC. L’evento ha il sostegno di Visit Monaco, dello stesso Fairmont Monte-Carlo e di Columbus Monte-Carlo.

 

Da molti anni la sostenibilità è elemento imprescindibile per la meeting industry, non solo come pratica ma anche come business pro position”, spiegano in una dichiarazione congiunta Miek Egberts e Claudia van’t Hullenaar“Tutte le aziende sono consapevoli del valore che i green meeting hanno per la loro reputazione e di quanta empatia riescano a suscitare coi loro pubblici. Anche per questo è importante aver importato dall’America questa certificazione, che è già uno standard negli Stati Uniti e in Canada e, ne siamo convinte, lo sarà presto anche da noi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui