Bes, il benessere equo e sostenibile dell’Istat comincia dall’ambiente

Il rapporto racconta della differenza tra nord e sud anche se “le distanze si sono tuttavia attenuate nell’ultimo anno per il peggioramento più marcato del Centro-nord dovuto alle più forti ripercussioni della crisi sanitaria in questi territori”

bes
Foto di Schäferle da Pixabay

Il rapporto BES di Istat racconta le differenze del Paese su 63 indicatori

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Produrre meno rifiuti e aumentare la raccolta differenziata genera effetti positivi sull’ambiente e di conseguenza sulla salute e il benessere delle persone. E’ il tema di fondo del nuovo rapporto dell’Istat sul sistema di indicatori del benessere equo e sostenibile dei territori, i BES, riferiti alle province e alle città metropolitane italiane. Alla base c’è l’ambiente, la salute, l’istruzione, il paesaggio, l’innovazione e la qualità dei servizi (63 indicatori statistici inseriti in questa edizione).

Nel 2019 – spiega l’Istat – la produzione di rifiuti urbani in Italia si attesta a 30,1 milioni di tonnellate, pari a 503,6 chilogrammi per abitante; il 61,3% di tali rifiuti è stato soggetto a raccolta differenziata, il resto è stato depositato nelle discariche o smaltito negli inceneritori-termovalorizzatori, una quota ancora lontana dall’obiettivo del 65% che il nostro Paese avrebbe dovuto raggiungere entro il 31 dicembre 2012. Nel 2019 circa la metà delle province italiane (54 su 107) non raggiunge il target del 65%. Le percentuali maggiori di raccolta differenziata si osservano nelle province del Nord-est e della Lombardia, quelle più basse nel Mezzogiorno. A Treviso, Mantova, Belluno, Pordenone e Reggio nell’Emilia si raggiungono valori superiori all’80% mentre a Palermo si registra la quota più bassa (29%).

leggi anche Differenziata: 10 consigli per imparare a buttare i rifiuti

Tra le eccezioni positive nel Mezzogiorno spiccano le province della Sardegna, tutte con più del 69% di raccolta differenziata (Oristano 78,1%) e alcune province del Sud, come Chieti (72,5%) e Benevento (71,9%). Significativi anche i risultati di alcuni territori del Centro, in particolare in tutte le province delle Marche i valori superano il 66%. All’opposto, nel Nord sono diverse le province piemontesi e liguri a registrare quote inferiori al 65%, insieme alle lombarde Pavia (54,8%) e Sondrio (56,2%). In generale negli ultimi dieci anni in tutte le province si registra un incremento delle quote di raccolta differenziata. Si riduce di circa il 10% il divario tra il Nord e il Sud.

Quando alla categoria innovazione nel 2018, in media, soltanto in un Comune italiano su quattro è possibile per le famiglie gestire interamente on-line le procedure per l’accesso a uno o più servizi. La quota sale al 77,1% per i Comuni con almeno 60mila abitanti e crolla al 16,5% per quelli fino a 5mila abitanti, che scontano maggiori difficoltà nel percorso verso la digitalizzazione. La distanza tra Nord (30,4%) e Mezzogiorno (15,6%) è ampia, evidenziando tuttavia una certa variabilità all’interno delle macro-aree e delle regioni stesse. Le città metropolitane del Mezzogiorno hanno valori più bassi di quelle del Centro-nord. Guardando ai principali risultati del BES per l’Istat rimane la chiave di lettura che vede una differenza tra nord e sud anche se “le distanze si sono tuttavia attenuate nell’ultimo anno per il peggioramento più marcato del Centro-nord dovuto alle più forti ripercussioni della crisi sanitaria in questi territori”. Distanze ampie tra il Centro-nord e il Mezzogiorno si osservano però per gli indicatori relativi alla qualità dei servizi e all’innovazione, ricerca e creatività.

Leggi anche Identità ESG, la strategia sostenibile di NextChem corre sui binari dell’innovazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui