Anche il materasso diventa riciclabile

Il produttore olandese Royal Auping  e la joint venture DSM-Niaga collaboreranno per sviluppare materassi completamente riciclabili

riciclare il materasso

 

Riciclare il materasso? Viene in auto l’eco-design

(Rinnovabili.it) – L’economia circolare può dormire sonni tranquilli. Sembra infatti che a breve anche i materassi, uno dei prodotti che affolla le nostre discariche, saranno riciclabili al 100 per cento. L’ambiziosa sfida è della joint venture olandese DSM-Niaga, che ha raggiunto un accordo con Royal Auping, uno dei più grandi produttori di materassi, per avviare una collaborazione a lungo termine all’insegna dell’economia circolare.

 

L’obiettivo della partnership è quello di contrastare l’incenerimento su larga scala e lo smaltimento in discarica dei materassi, così come avviene oggi, progettando e producendo materassi completamente riciclabili entro i prossimi tre anni.

“Ci rendiamo conto di come i processi di produzione e i modelli di business potrebbero dover cambiare per rendere un materasso completamente circolare”, commenta, citata da Recycling Today, DSM, multinazionale olandese con sedi in tutto il mondo, che opera nel settore della scienza dei materiali. Già nel 2016, l’azienda olandese ha ideato un tappeto riciclabile al 100 per cento.

 

DSM e Niaga hanno unito le loro forze nel 2014 per creare la joint venture DSM-Niaga, ridisegnando i prodotti da zero per adattarli all’economia circolare.

Il team Niaga ha ripensato il modo in cui fabbrichiamo i prodotti utilizzando solo materiali puliti: materiali senza additivi e che non presenteranno future sorprese negative. La tecnologia Niaga per la produzione di tappeti si basa sull’utilizzo di un semplice set di materiali puliti che consente il riciclaggio al 100% in nuovi tappeti dopo l’uso.

 

Uno dei punti di forza della tecnologia sviluppata è l’utilizzo di collanti “reversibili”, che permettono di separare in maniera semplice i diversi materiali senza che questi vengano “sporcati” dalla colla. Sebbene Niaga sia inizialmente focalizzata sull’industria dei tappeti, la tecnologia ha un potenziale dirompente. In pratica, qualsiasi prodotto fabbricato con materiali artificiali come poliesteri e poliammidi, dai pannolini ai tappetini per auto, potrebbe utilizzare la tecnologia Niaga.

Articolo precedenteGiornata mondiale del suolo: l’Italia perde 3mq al secondo
Articolo successivoIl futuro del mercato italiano delle rinnovabili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui