Così l’eolico offshore può abbattere i costi del 40%

I cavi di trasmissione dell’energia alloggiano su enormi piattaforme separate, ma Siemens ha pensato di integrarle nelle turbine del parco eolico offshore

Così l’eolico offshore può abbattere i costi del 40 2

 

(Rinnovabili.it) – I costi di realizzazione dell’eolico offshore potrebbero ridursi del 40% semplicemente cambiando il sistema di allacciamento alla rete. Ne è convinta Siemens, che ha sviluppato il nuovo Offshore Wind Power Transformer, costruito appositamente per una varietà di turbine eoliche near-shore. Il nuovo modulo trasformatore dovrebbe, nei piani del colosso tedesco, tagliare i costi di accesso alla rete per tali impianti di una quota fino al 40%, con conseguenti vantaggi anche per la costruzione di parchi eolici in mare, poiché diventerebbero più convenienti.

 

Tradizionalmente, i trasformatori vengono utilizzati per trasmettere sulla terraferma l’elettricità generata dagli impianti a tensioni superiori tramite cavi sottomarini. Il blocco da cui partono i cavi è alloggiato su piattaforme separate ed enormi, che hanno un peso variabile tra le 1.800 e le 4.000 tonnellate e rappresentano un costo annesso al parco eolico piuttosto oneroso. L’invenzione di Siemens si inserisce in questo passaggio, poiché l’azienda dichiara che i suoi moduli possono essere montati direttamente sullo stelo che regge le turbine eoliche, evitando di separare il corpo cavi dall’impianto con costose piattaforme. Piccolo e leggero nel design, il modulo permetterebbe di abbattere i costi di acquisto dei materiali e quelli legati al dispendio di tempo. Ma non solo: vengono spese decine, talvolta centinaia di milioni di euro anche per la costruzione, il trasporto, il montaggio, il funzionamento e la manutenzione delle superpiattaforme che fino ad oggi hanno ospitato i cavi.

 

Così l’eolico offshore può abbattere i costi del 40

 

Il sistema è fatto su misura per parchi eolici di piccole dimensioni, occupa il 30% di spazio in meno rispetto alle stazioni tradizionali ed ha un peso di 630 tonnellate per una potenza di 250 MW. Ma può essere installato anche in impianti più grandi: per raggiungere la capacità di trasmissione richiesta dall’eolico offshore di maggiori dimensioni, i moduli possono essere collegati tra loro per meglio sopportare il carico. Invece dell’olio minerale, la Siemens utilizza un fluido isolante biodegradabile a bassa infiammabilità per mantenere gli standard ambientali.

Articolo precedentePneumatici fuori uso: quando l’industria detta legge
Articolo successivoSarà il 2015 l’anno della bici pieghevole italiana senza raggi?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui