Il Giappone riaccende altre 4 centrali nucleari per evitare sorprese in inverno

Il governo sta faticando a evitare blackout in queste settimane di ondate di caldo persistenti e temperature record. E corre ai ripari pensando all’inverno e al timore di stop alle forniture dalla Russia

Centrali nucleari: il Giappone ne riaccende altre 4 prima dell’inverno
via depositphotos.com

Ad oggi, le centrali nucleari ri-autorizzate dopo Fukushima sono 6, pari a 10 reattori, ma 6 sono fermi

(Rinnovabili.it) – Il Giappone riaccenderà in fretta 4 centrali nucleari prima dell’inverno per evitare sorprese. “Ci sono preoccupazioni per una carenza di energia elettrica quest’inverno. Dobbiamo prevenire questa situazione”, ha spiegato il premier Fumio Kishida. Con i 4 reattori in più, il totale degli impianti riportai in attività dopo l’incidente di Fukushima del 2011 salirebbe a 9.

Il governo – fresco di riconferma alle urne – ha deciso di accelerare per ragioni climatiche, economiche e politiche. La rete nipponica ha faticato a gestire le forti ondate di caldo che hanno toccato il paese da metà giugno a oggi. Temperature anche di 40°C hanno fatto impennare la domanda di elettricità e più volte si è sfiorato il rischio blackout. A fine giugno per un soffio le autorità sono riuscite a evitare di lasciare al buio (e al caldo) l’area metropolitana di Tokyo, dove vivono 37 milioni di persone.

Leggi anche Il caldo estremo segna nuovi record in tutto l’emisfero boreale

La congiuntura internazionale è l’altro fattore che ha spinto il governo a velocizzare la riaccensione delle centrali nucleari. Da un lato l’aumento del costo dei combustibili fossili, dall’altro il graduale addio alle forniture dalla Russia. Mosca nel 2021 forniva l’11% del carbone giapponese ed era il 5° maggior fornitore di greggio e di gas. Come l’Europa, anche Tokyo cerca di prepararsi a uno stop del gas russo, specie dopo che il Cremlino ha preso pieno controllo del progetto Sakhalin-2, da cui il Giappone importa il 9% del suo gas.

Per riaccendere le sue centrali nucleari, il Giappone dovrà però velocizzare tutto l’iter di verifica e autorizzazione. “Vorremmo garantire il funzionamento di un massimo di nove reattori, rispetto ai cinque attualmente in funzione, rivedendo i periodi di costruzione e di ispezione di alcune centrali nucleari”, ha fatto sapere il ministro dell’Industria Koichi Hagiuda.

Leggi anche Multa astronomica per 4 dirigenti Tepco: “Non hanno prevenuto l’incidente nucleare di Fukushima”

Dopo Fukushima, tutti i reattori sono stati fermati e la loro riaccensione è vincolata al rispetto di nuove, più stringenti misure di sicurezza. Fino ad oggi le centrali nucleari che hanno ricevuto l’ok sono 6, pari a 10 reattori, ma di questi ultimi solo 4 sono in funzione. Gli altri 6 hanno l’ok dei governi locali, ma non hanno ancora ultimato l’iter autorizzativo o sono in manutenzione.

Articolo precedenteDdl Concorrenza, ok a delega al governo per riordino normativa fer
Articolo successivoAzioni concrete dal Gruppo Chiesi per un futuro più sano e sostenibile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui