Direttiva europea sul gas, le modifiche aprono all’idrogeno

La commissione europea raccoglie pareri in merito alla revisione del regolamento e della direttiva europea sul gas.

(Rinnovabili.it) – L’esecutivo van der Leyen ha lanciato in questi giorni una nuova consultazione pubblica in tema energia. L’obiettivo? Raccogliere pareri in merito alla revisione del regolamento e della direttiva europea sul gas.

L’aggiornamento legislativo fa parte del processo di revisione che la Commissione europea ha intrapreso per alzare gli obiettivi comunitari di decarbonizzazione. Dopo la presentazione della legge sul clima, nell’autunno 2020, è apparso chiaro a tutti che l’intero pacchetto di norme su clima ed energia approvato con l’ex-esecutivo Junker fosse da rivedere. Nel dettaglio la legge porta il taglio delle emissioni al 55% entro il 2030, ossia 15 punti percentuali in più rispetto le precedenti prescrizioni. Di conseguenza tutto l’apparto normativo connesso al tema emissivo deve essere modificato.

Bruxelles ha già messo in consultazione l’aggiornamento delle direttive riguardanti le rinnovabili e l’efficienza energetica. Oggi è la volta del regolamento e della direttiva europea sul gas. Il feedback di aiuterà Bruxelles a preparare il nuovo pacchetto di decarbonizzazione per i mercati di settore destinato alla pubblicazione entro la fine dell’anno.

Leggi anche Obiettivi climatici 2030: l’UE lancia la consultazione pubblica

L’obiettivo della consultazione è raccogliere le opinioni delle parti interessate sulle modalità con cui rivedere le attuali norme. Il fine ultimo è facilitare l’adozione di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio, garantendo nel contempo mercati interni integrati, sicuri e interoperabili.  

“Per organizzare la transizione dai combustibili fossili a quelli privi di carbonio e per raggiungere un’Europa climaticamente neutra entro il 2050 – scrive l’esecutivo – presenteremo il pacchetto “Fit for 55” per ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 questo giugno. Ciò coprirà ambiti politici di ampio respiro: dalle energie rinnovabili, all’efficienza energetica, al rendimento energetico degli edifici, allo scambio di emissioni, alla condivisione degli sforzi, all’uso del suolo e alla tassazione dell’energia. Le revisioni in corso […] stanno affrontando, tra l’altro, questioni legati ad incentivi normativi per la produzione e il consumo di energia pulita. La futura legislazione sul mercato del gas dovrà essere coerente con le misure previste da entrambe le direttive, nonché con altre misure nell’ambito del pacchetto “Fit for 55″. Si baserà anche su elementi delineati in altre iniziative del Green Deal europeo come la strategia sull’idrogeno e la strategia di integrazione del sistema energetico”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui