I furbetti del gas flaring, secondo la World Bank

La flessione del settore energetico nell’anno della pandemia ha fatto flettere anche le emissioni dovute al gas flaring. Ma la fotografia non è uniforme. Alcune regioni sono cresciute. In Cina l’incremento è stato addirittura del 35%

Gas flaring: ecco i paesi da bocciare secondo la World Bank
via depositphotos.com

Nel 2020 il gas flaring è calato del 5%

(Rinnovabili.it) – Nel 2020 le emissioni globali sono calate dell’8%, trascinate al ribasso soprattutto dai minori consumi energetici. Come per tutti i valori, anche quello del gas flaring ha visto una flessione, stimata intorno al 5%. Ma con notevoli differenze da paese a paese, sottolinea un rapporto della Banca mondiale pubblicato di recente.

Il gas flaring consiste nel bruciare il gas che viene estratto come sottoprodotto del petrolio. La pratica è diffusissima perché il più delle volte alle compagnie costa meno bruciare il gas piuttosto che catturarlo e commercializzarlo. Tuttavia, questo aumenta di molto l’impatto sul clima del settore oil&gas. Le stime della Banca mondiale mettono a 400 mln di t di CO2 il peso del gas flaring ogni anno.

Leggi anche Inquinamento: la pratica del flaring deve finire

I monitoraggi effettuati nel 2020 danno in fortissimo aumento il gas flaring cinese. Nel paese asiatico l’impennata è stata addirittura del 35%. E questo nonostante la produzione di idrocarburi del paese sia rimasta inalterata in termini assoluti. La ragione? Secondo la Banca mondiale, l’aumento sarebbe dovuto all’avvio – in fase di test – di diversi nuovi siti estrattivi nel nord-ovest della Cina.

Al contrario, cala del 32% il gas flaring dagli impianti degli Stati Uniti. Visto il peso specifico degli USA, che sono tra i paesi che fanno più affidamento su questa pratica, il solo calo americano conta per il 70% della flessione totale registrata nel 2020. Tra i motivi non c’è solo il crollo della produzione di energia, ma anche la mesa in campo su scala più vasta di tecnologie per il recupero del gas dai siti estrattivi.

Leggi anche Il Texas risponde al cambiamento climatico con un boom di emissioni

All’interno degli Stati Uniti la situazione resta sfumata. Il calo è generalizzato e riguarda tutte le regioni. Ma sono le 3 aree di maggior produzione di shale a pesare per ben il 90% di tutto il gas flaring degli States nel 2020: il bacino permiano e quello di Eagleford in Texas, e il bacino Bakken in North Dakota.

Gli USA si confermano in cima alla lista dei paesi maggiormente responsabili delle emissioni da gas flaring, insieme a Russia, Iraq, Iran, Algeria, Venezuela e Nigeria. Nel complesso, questi paesi producono il 40% del petrolio mondiale, ma pesano per i due terzi delle emissioni da flaring.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui