Indonesia: esportazioni di carbone bloccate e nuovi progetti sull’idrogeno

Non si pronuncia Giacarta sul nuovo blocco alle esportazioni del carbone, mentre cresce il pressing dei Paesi importatori

indonesia
via Pixabay

 Giappone ed Indonesia collaborano su idrogeno verde e CCS

(Rinnovabili.it) – L’Indonesia ha bisogno di elettricità. Dal 1° gennaio 2020 il Paese ha dovuto chiudere le sue “frontiere energetiche” dirottando tutto il carbone termico prodotto ai propri impianti. A dicembre, infatti, l’azienda elettrica statale indonesiana ha segnalato livelli di stoccaggio pericolosamente bassi, mettendo la più grande economia del sud-est asiatico sull’orlo di ripetuti e diffusi blackout.

Non si tratta di un problema isolato. La ripresa dei consumi e gli sbalzi del mercato dell’energia hanno fatto sentire i proprio effetti su quasi ogni paese. Ma se la crisi colpisce proprio il più grande esportatore mondiale di carbone termico, il mercato globale è costretto a trattenere il fiato.

leggi anche Tutti i record del carbone nel 2021

Il ministero dell’energia indonesiano aveva promesso di rivedere il divieto di export dopo il 5 gennaio ma ad oggi non si sono avute ancora notizie in merito. Nel frattempo i prezzi globali del carburante sono aumentati, facendo crescere l’attenzione sulle discussioni in corso tra autorità governative e l’industria carboniera locale.

A preoccuparsi sono soprattutto Giappone e Corea del Sud, tra le principali destinazioni per il carbone indonesiano. I due paesi, insieme a Cina e India, hanno rappresentato il 73% delle sue esportazioni nel 2021. Ma per il Giappone potrebbe esserci già un accordo nell’aria. 

Giacarta e Tokyo godono, infatti, di forti legami politici e di una lunga storia condivisa, che potrebbe facilitare la rimozione del divieto almeno per il paese del Sol levante. Una rapporto rafforzato, tra l’altro, dall’ultimo accordo energetico firmato tra i due governi. Oggi il ministro dell’Industria giapponese Koichi Hagiuda e il ministro dell’Energia indonesiano Arifin Tasrif hanno siglato un memorandum di cooperazione in una riunione bilaterale tenutasi a Giacarta. L’obiettivo collaborare allo sviluppo e all’implementazione di tecnologie che contribuiscono a “transizioni energetiche realistiche”. L’intesa si focalizzerà su idrogeno, ammoniaca come combustibile e sulla cattura, stoccaggio e riutilizzo della CO2 (CCUS).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui