Europa vs Cina sui magneti permanenti: aiuti alle imprese per le materie prime critiche

La decisione è allo studio della Commissione e dovrebbe ricalcare una misura analoga approvata negli Stati Uniti da poco. Gli aiuti avrebbero la forma di crediti d’imposta e dovrebbero scattare anche in caso di rincaro dei prezzi delle terre rare

Materie prime critiche: l’UE sovvenzionerà l’industria europea dei magneti
via depositphotos.com

Nuove misure per schermare le aziende europee dalla concorrenza “drogata” sulle materie prime critiche

(Rinnovabili.it) – Tagliare il cordone ombelicale che lega la transizione energetica dell’Europa alle materie prime critiche di cui è ricca la Cina. Bruxelles sta provando a mettere una pezza da tempo con iniziative come l’Alleanza europea per le Materie Prime e i nuovi obiettivi di riciclo. Un nuovo approccio strategico che continua purtroppo a zoppicare: la concorrenza cinese è spietata a causa della pioggia di aiuti di Stato distribuiti da Pechino alle sue aziende.  

Così la Commissione europea ha deciso di fare un passo in avanti: a Bruxelles si sta lavorando a una proposta per dare supporto ai produttori europei di alcuni magneti permanenti, basati sulle terre rare (soprattutto il neodimio) e indispensabili sia per le auto elettriche che per le turbine eoliche.

Leggi anche Nasce l’Alleanza europea Materie Prime, per un Green Deal indipendente

Secondo alcune indiscrezioni raccolte dall’agenzia Reuters, la nuova politica dovrebbe ricalcare abbastanza da vicino quella approvata questo mese dagli Stati Uniti (che si scontrano con problemi analoghi). L’ipotesi è che gli aiuti alle aziende siano erogati sotto forma di crediti d’imposta e dovrebbero scattare anche in caso di aumento dei prezzi delle materie prime critiche: un mercato dove la Cina è egemone e può fare il bello e il cattivo tempo.

Una mossa che dovrebbe aiutare a riequilibrare il mercato e le sue dinamiche. Attualmente le sovvenzioni di Pechino “drogano” il comparto. Quello cinese è sotto steroidi grazie ad aiuti alle manifatture della componentistica di base di rinnovabili e mobilità elettrica che arrivano fino al 20% dei costi da sostenere per l’acquisto di materie prime critiche. In questo modo, le compagnie del Dragone sono trincerate in un fortino inespugnabile da cui controllano qualcosa come il 90% del mercato globale dei magneti. La dipendenza europea è a livelli ancora più alti: su 100 magneti impiegati nel nostro continente, 98 sono di manifattura cinese.

Leggi anche UE: presentato il Piano d’azione per le materie prime critiche

A livello globale, la domanda dei minerali critici e delle terre rare impiegate per questo genere di magneti dovrebbe aumentare di 10 volte. L’obiettivo europeo sul breve termine è di coprire con capacità estrattiva e manifatturiera autoctona (incluso il riciclo) il 60% del fabbisogno entro il 2030.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui