Mercati energetici europei, aumenta la concorrenza

I nuovi dati Eurostat mostrano come le quote dei maggiori produttori di elettricità e gas nell’Unione europea siano in progressiva diminuzione dal 2007

Mercati energetici europei,
Foto di H. Hach da Pixabay 

Le nuove statistiche sui mercati energetici europei 2019

(Rinnovabili.it) – Cresce la concorrenza e il decentramento dei poteri nei mercati energetici europei. A rivelarlo sono oggi i nuovi dati di Eurostat, l’ufficio statistico della Commissione Europea. Gli indicatori mostrano un calo progressivo dal 2007 al 2019 delle quote mercato dei maggiori produttori di elettricità e gas nell’Unione. Ovviamente per ogni Stato membro il quadro è differente, ma complessivamente il trend punta verso la parte bassa del grafico.

Leggi anche Milleproroghe 2021, i primi rinvii per l’energia

A livello elettrico vi è forse la maggiore varietà nei mercati energetici europei. Nel 2019, la situazione meno concorrenziale è stata registrata a Cipro dove un’unica società elettrica dominava la produzione nazionale di elettricità. Seguono Lettonia e Croazia, dove il rispettivo più grande produttore nazionale detiene l’86% e l’80% del mercato. All’altro estremo della scala, si trovano Lussemburgo (il maggior produttore elettrico detiene una quota del 18%), Finlandia (16%) e Polonia (12%).

Mercati elettrici europei

La situazione attuale è frutto di continui cambiamenti, ma non per tutti si è tratta di un decentramento del mercato. Se infatti nella maggior parte degli Stati membri si è andato verso una riduzione delle quote (il cambiamento più grande si è registrato a Malta), in altri si è registrato il processo opposto. I più grandi produttori elettrici di Romania e Lettonia sono cresciuti rispettivamente di 4,3 e 0,3 punti percentuali.

Leggi anche Energia al dettaglio, quali ostacoli in Italia e sui mercati UE?

Sul fronte dell’importazione e la produzione di gas naturale, la quota di mercato maggiore nel 2019 (misurata come quota della produzione nazionale interna dell’UE) è stata del 100% in Estonia, Finlandia e Svezia, dove un unica società dominava l’intero settore nazionale.

Al contrario, la più grande società di importazione e produzione di gas naturale con il livello più basso di penetrazione del mercato appartiene a Irlanda (30%) e Belgio (31%). Rispetto al 2007, la quota di mercato della più grande società del gas naturale è diminuita in 13 Stati membri nel 2019. Nel frattempo, la quota è rimasta stabile in Finlandia e Svezia (al 100%), mentre è aumentata in Irlanda (1,8 punti percentuali), Lituania (19,6 pp) ed Estonia (21,0pp).

Mercati del gas europei

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui