A dicembre il 56% delle famiglie ha scelto il mercato libero dell’energia

I numeri del rapporto annuale dell’Arera sul monitoraggio retail. Ci sono forti differenze nel Paese, si va dal 70% del Nord al 38% della provincia del Sud della Sardegna. In generale è un deciso miglioramento rispetto a dicembre 2019 (52%) e rispetto a novembre 2020 (55,88%).

mercato libero
via depositphotos.com

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – “Le famiglie che a dicembre 2020 hanno scelto il mercato libero elettrico sono oltre il 56% nella media nazionale” (il 56,22% per la precisione). Questo il dato principali dei numeri contenuti nel rapporto annuale sul monitoraggio retail messo a punto dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera).

Il documento fa presente come ci siano “forti differenze nel Paese”: si va “dal 70% di alcune aree del Nord al 38% della provincia del Sud della Sardegna”. In generale – spiega l’Authority – si tratta di un deciso miglioramento rispetto a dicembre 2019 (52%) e rispetto a novembre 2020 (55,88%).

Leggi anche Bonus sociali per energia ed acqua, scatta il riconoscimento automatico

I venditori attivi di elettricità per i clienti domestici – viene rilevato dall’Arera – “sono 380 in Lombardia, contro i 140 della Valle d’Aosta e, tra i due estremi, le diverse realtà regionali con per esempio i 327 del Lazio o i 287 della Calabria (dati aprile 2020)”. Nella provincia di Terni il 70,78% delle famiglie ha scelto il mercato libero; seguono quella di Modena con il 70,43%, poi Biella (69,32%), Vercelli (69,02%), Pescara (66,99%), Novara (65,6%), Parma (65,52%), Perugia (65,36%), Ravenna (64,58%), Bologna (64,15%), Piacenza (63,71%), Torino (63,5%), Varese (63,46%), Verona (63,44%). A chiude la classifica si trova il Sud della Sardegna, dove il mercato libero è stato scelto soltanto dal 38,23%. Al contrario nella provincia di Milano lo ha fatto il 61,93% delle famiglie, in quella di Firenze il 58,05%, a Roma il 54,79%, a Palermo il 53,37%, a Venezia il 53,10%, a Napoli il 50,42%, a Bari il 48,77%, a Reggio Calabria il 48,47%, a Cagliari il 40,94%.

Leggi anche Milleproroghe 2021, i primi rinvii per l’energia

Molte altre informazioni sono disponibili sul sito di Arera anche grazie a tabelle, infografiche e mappe che raccontano dell’evoluzione del mercato dell’energia; tra queste è possibile sapere quanti venditori sono effettivamente attivi sul mercato e dove sono più presenti, quali società possiedono la quota maggiore di clientela, in quali province e regioni si è diffuso maggiormente il mercato libero fino ad ora, dove si registra maggiormente il fenomeno delle morosità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui