RECAI 60, cresce l’attrattività delle energie rinnovabili italiane

Il Belpaese passa dal 15° al 12° posto nella classifica di EY grazie alla spinta della nuova bozza del Decreto FER 2 e alle aste pianificate per l’eolico offshore. Ma i mercati delle rinnovabili più attraenti per gli investitori Rimangono Stati Uniti e Cina,

RECAI 60
Photo by Karsten Würth on Unsplash

 Pubblicato il RECAI 60, il nuovo Renewable Energy Country Attractiveness Index

(Rinnovabili.it) – È dal 2003 che il RECAI, lo strumento con cui EY monitora gli investimenti nelle energie rinnovabili, stila classifiche semestrali dei quaranta mercati più attraenti nel mondo. Ed ormai da oltre 10 anni i primi posti sono occupati in maniera regolare da sole due grandi potenze: Stati Uniti e Cina che, in un balletto quasi continuo, proseguono a scambiarsi il primo e secondo posto. Una disposizione che non cambia neppure nel RECAI 60, l’ultimo “Renewable Energy Country Attractiveness Index” prodotto da EY.

Il rapporto, pubblicato il 15 novembre 2022, incorona nuovamente gli USA come primo mercato al mondo per attrattiva degli investimenti nell’energia pulita e opportunità di implementazione. I riflettori sono tutti puntati sull’Inflation Reduction Act, approvato nell’agosto 2022, è visto come un punto di svolta per il mercato green stelle e strisce. A beneficiarne sarà soprattutto il settore dell’idrogeno rinnovabile grazie ai nuovi crediti d’imposta dedicati (fino a 3 dollari /kg per 10 anni). La misura permetterà di abbassare il prezzo dell’H2 verde a soli 0,73 dollari/ kg, superando in convenienza quello grigio e blu. Non solo. La legge comporterà anche grandi vantaggi per il settore solare, supportando lo sviluppo di una catena di approvvigionamento nazionale.

leggi anche Solhyd Project, il pannello fotovoltaico domestico che produce idrogeno

Segue a ruota dalla Repubblica popolare che grazie a 156 GW di eolico e fotovoltaico installati questo anno, si conferma ad un meritatissimo secondo posto. A completare la top ten sono, in ordine: Germania, Regno Unito, Francia, Australia, India, Spagna, Giappone, Paesi Bassi.

 E l‘Italia? Il Belpaese migliora nettamente la sua posizione nel RECAI 60: in soli sei mesi siamo passati da un 15° ad un 12° posto nella classifica generale. Merito scrive EY degli incentivi contenuti nella nuova bozza del Decreto FER 2 e dei 5 GW di eolico offshore che saranno messi all’asta tra il 2023 e il 2026. Valutato positivamente anche la realizzazione prima wind farm marina in Italia

Articolo precedenteExtra-profitti energia, e se la tassa salisse oltre il 33%?
Articolo successivoReti fantasma, ennesima ferita all’ecosistema marino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui