L’Italia sarà maglia nera nella transizione energetica d’Europa

Nel 2030 Roma sarà il 2° paese per generazione di elettricità dal gas fossile con 119TWh. Il target di rinnovabili nel Pniec è troppo basso, appena il 55%. Le altre grandi economie europee viaggiano su 75% e oltre.

Transizione energetica: con il gas, l’Italia non va lontano
Via depositphotos.com

L’analisi di Ember e ECCØ sugli scenari di transizione energetica del Belpaese

(Rinnovabili.it) – Nel 2030, l’Italia sarà tra i più grandi produttori europei di elettricità sporca. Mentre le altre grandi economie del continente avranno un mix elettrico occupato solo in minima parte dalle fossili, il Belpaese dovrà ancora fare i conti con una quota importante di gas. Questo è lo scenario di transizione energetica verso cui stiamo andando, avverte un rapporto dei think tank Ember e ECCØ.

Gli obiettivi attuali del Pniec, infatti, prevedono solo il 55% di elettricità pulita entro fine decennio. Se il governo non li alzerà in modo consistente, la nostra transizione energetica resterà avvinghiata alle fossili. A conti fatti, scrivono i due think tank, nel 2030 l’Italia sarà al secondo posto in Europa per generazione di energia elettrica dal gas: 119TWh, subito dietro i 136 della Germania ma ben davanti al terzo paese della lista, la Polonia con meno della metà dei TWh italiani (56). E il gas occuperà il 38% del nostro mix elettrico.

Leggi anche Cingolani: Nel nuovo PNIEC +60 GW di rinnovabili e -51% di CO2

Una buona ragione per accelerare sulle rinnovabili – e sveltire ancora l’iter autorizzativo – è il costo: produrre elettricità da fotovoltaico ed eolico onshore costa tre volte di meno che generarla dal gas fossile. “La recente crisi energetica, guidata dall’impennata dei prezzi del gas, ha confermato i sostanziali rischi economici e politici associati a una continua dipendenza dal gas fossile importato”, si legge nel rapporto. “I prezzi italiani dell’elettricità all’ingrosso sono quasi triplicati nell’ultimo anno, e la maggior parte di questo aumento può essere attribuito all’impennata dei prezzi del gas”.

Mentre utility come Enel annunciano piani accelerati per la decarbonizzazione, notano Ember e ECCØ, l’Italia ha un problema strutturale nel suo meccanismo di capacità. Questo meccanismo, che permette di incentivare gli operatori affinché garantiscano una certa quota di capacità elettrica, aiuta a garantire l’approvvigionamento ma allunga anche la vita alle centrali a gas.

Leggi anche Enel, il piano strategico 22-24 anticipa di 10 anni le zero emissioni

Il meccanismo di capacità consente ancora alle utility di investire in nuovi impianti a gas a ciclo combinato per espandere la capacità di base, entra nel dettaglio il rapporto. L’orizzonte temporale è ancora lunghissimo: dal 2024 al 2040, e con pagamenti fino a € 70/kW/anno. “Questi pagamenti distorcono il mercato a favore di impianti a gas potenzialmente antieconomici a scapito delle rinnovabili e di altre soluzioni di energia pulita come lo storage, la flessibilità della domanda”, precisa lo studio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui