Accumulo domestico: arriva la 1a batteria a ioni di litio semisolida

 Kyocera ha lanciato ufficialmente il suo sistema di accumulo residenziale Enerezza, il primo al mondo costruito utilizzando il nuovo processo di produzione di elettrodi di 24M.

batteria ioni di litio semisolida
Credit: Kyocera

Il gigante dell’elettronica giapponese porta sul mercato la batteria a ioni litio semisolida di 24M

(Rinnovabili.it) – Novità per il mondo dell’accumulo domestico. La società giapponese Kyocera ha lanciato in questi giorni sul mercato “Enerezza”, il primo impianto di storage residenziale a livello mondiale ad utilizzare una batteria a ioni di litio semisolida. Il dispositivo è stato sviluppato insieme alla start-up statunitense 24M, creatrice della nuova architettura cellulare. La collaborazione ha preso il via a giugno dello scorso anno portando il nuovo processo di produzione di elettrodi “SemiSolid” dalla fase pilota al mercato. I punti di forza della nuova tecnologia? È il vicedirettore generale del Corporate Solar Energy Group di Kyocera, Toshihide Koyano, a elencarli: una lunga durata della batteria, una sicurezza “senza pari” e un approccio a basso costo reso possibile dall’esclusivo processo di produzione di 24M.

 

“In Kyocera crediamo che la tecnologia SemiSolid di 24M sia lo standard emergente per la produzione di batterie agli ioni di litio – ha affermato Koyano – Siamo lieti di essere la prima azienda a fornire prodotti per lo stoccaggio di energia residenziale utilizzando questa innovativa tecnica”.

 

>>leggi anche Il più grande mercato dell’accumulo residenziale? Sarà l’Australia<<

 

Nel dettaglio gli elettrodi “SemiSolid” non usano leganti, mescolando l’elettrolita con materiali attivi per formare una sospensione simile all’argilla con caratteristiche uniche. Di conseguenza, il processo elimina la necessità di una quantità significativa di materiali inattivi e tecniche costose come l’essiccazione, riducendo drasticamente le spese di produzione. La stima è di circa il 30 per cento in meno nei costi.

Il risultato del procedimento sono elettrodi da quattro a cinque volte più spessi (300-400μm) rispetto agli standard del settore (50-120μm) e una densità energetica superiore ai 350 Wh /kg.

 

Questa nuova batteria sarà il cuore di Enerezza, il sistema di accumulo domestico firmato dal gigante dell’elettronica giapponese. A partire da questo mese, Kyocera inizierà a vendere un numero limitato di impianti ma inizierà la produzione in serie solo dopo l’autunno del 2020. L’intenzione è quella di produrre 20.000 unità l’anno portando sul mercato tre modelli: “EGS-LM0500” con una capacità nominale di 5,0 kWh (capacità effettiva: 4,2 kWh), “EGS-LM1000” con una capacità nominale di 10,0 kWh (capacità effettiva: 8,5 kWh) e “EGS -LM1500 “con una capacità nominale di 15,0 kWh (capacità effettiva: 12,7 kWh).

 

>>leggi anche Le batterie al litio imparano ad auto-medicarsi<<

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui