La batteria cinese da 2mln di km è pronta per il mercato delle e-car

Contemporary Amperex Technology ha sviluppato un power pack che dura oltre 16 anni: un punto di riferimento per il settore e un innegabile passo avanti per la rivoluzione della mobilità elettrica

batteria CATL
Credits: CATL

Zeng: “Quando qualcuno effettuerà un ordine, inizieremo a produrre la nuova batteria”

(Rinnovabili.it) – L’innovazione nel settore dell’energy storage non si ferma neppure davanti ad una pandemia globale. Al contrario. Il mondo dell’accumulo è pronto a sfornare un nuovo risultato da Guinness dei primati. Contemporary Amperex Technology Co. Limited (CATL), l’azienda che produce batterie per Tesla, Toyota e Volkswagen, sta alzando l’asticella per la tecnologia di ricarica delle e-car. Il colosso cinese ha, infatti, annunciato in questi giorni di esser pronto a portare sul mercato un nuovo power pack in grado di durare 16 anni e 2 milioni di chilometri (1,24 milioni di miglia). A titolo di confronto, le attuali batterie al litio montate sulle auto elettriche coprono in media circa 241mila km nella loro vita, funzionando per non più di otto anni.

L’annuncio arriva direttamente dal fondatore e presidente della società, Zeng Yuqun che durante un’intervista si è detto pronto a passare all’azione. “Quando qualcuno effettuerà un ordine, saremo pronti a produrre”, ha sottolineato Zeng. Ovviamente la nuova batteria cinese costerà circa il 10% in più rispetto ai dispositivi impiegati oggi. Ma l’estensione della vita è un progresso chiave per la tecnologia d’accumulo e per lo stesso segmento della mobilità elettrica, in grado di ridurre le spese del proprietario sul lungo periodo.

Leggi anche Veicoli elettrici 2020, il coronavirus colpisce: -43% nelle vendite

Anticipando quel ritorno alla crescita per l’elettromobilità dopo il blocco del coronavirus, CATL è oggi fortemente impegnata a investire in ricerca e sviluppo. Un strumento che le permetterà di posizionarsi in prima linea sul mercato quando la domanda di veicoli elettrici tornerà ad aumentare all’inizio del 2021.

In realtà, i primi mesi del 2020 non hanno segnato un calo per tutti. Il mercato europeo dei mezzi elettrici e ibridi plug-in è inaspettatamente cresciuto del 72% da gennaio a marzo (rispetto allo stesso periodo del 2019). E al di là di quella che sarà un’inevitabile flessione, si prospetta un trend del +5% a partire dal 2021. 

Nel frattempo CATL ha già puntato gli occhi sul Vecchio Continente. Attualmente sta realizzando il primo impianto di produzione in Germania, con cui realizzare oltre il 70% delle batterie richieste dalla BMW. Ma collabora anche con Audi Volkswagen e Porsche, senza escludere un futuro anche negli USA.

Leggi anche Veicoli elettrici: sono sempre più convenienti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui