Batterie e microelettronica, da settembre pronti 1,7 mld di incentivi dal fondo IPCEI

Poco più di 1 miliardo di euro per IPCEI 1 e 2, con agevolazioni che interessano tutta la catena del valore. Altri 700 milioni per R&S&I nel settore della microelettronica. Erogazioni dal 3 settembre

Fondo IPCEI: da settembre via a incentivi per batterie e microelettronica
via depositphotos.com

Giorgetti firma il decreto che sblocca l’erogazione delle agevolazioni alle imprese del fondo IPCEI

(Rinnovabili.it) – Un miliardo di euro di incentivi alle aziende italiane nel settore strategico delle batterie. Altri 700 milioni per chip efficienti sul piano energetico, semiconduttori di potenza, sensori intelligenti e altre innovazioni nell’ambito della microelettronica. Gli aiuti del nuovo fondo IPCEI in questi due ambiti considerati di rilevanza strategica dall’Unione Europea saranno disponibili dal 3 settembre, come stabilito dal MiSE tramite l’apposito decreto che fa seguito a quello di luglio che definiva i criteri generali di intervento.

Contributi che saranno erogati alle imprese italiane selezionate per partecipare agli Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo (IPCEI). L’obiettivo dell’iniziativa di Bruxelles è rafforzare la competitività nazionale sostenendo i progetti di ricerca, sviluppo e innovazione e le prime applicazioni industriali, ma anche migliorare l’integrazione tra le filiere a livello UE.

Leggi anche Ipcei sulle batterie, anche l’Italia partecipa al progetto da 2,9 mld

La fetta del fondo IPCEI che l’Italia si è aggiudicata ammonta a 1,7 miliardi di euro. Questa la ripartizione decisa dal MiSE:

IPCEI Batterie 1: 473,35 milioni di euro per sostenere progetti e attività finalizzate a introdurre tecnologie altamente innovative e sostenibili lungo l’intera catena del valore delle batterie agli ioni di litio, con l’obiettivo di migliorare le caratteristiche di durata, i tempi di caricamento, la sicurezza e la compatibilità ambientale dei nuovi prodotti in linea con i principi dell’economia circolare;

IPCEI Batterie 2: 533,6 milioni di euro per sostenere progetti e attività finalizzate alla ricerca e sviluppo della produzione di materie prime, celle, moduli e sistemi di batterie elettriche su larga scala per il settore industriale italiano ed europeo;

IPCEI Microelettronica: 325,85 milioni di euro, che si aggiungono ai 410,2 milioni di euro già programmati, per realizzare e sviluppare tecnologie e componenti microelettroniche innovative nei settori dei chip efficienti sul piano energetico, dei semiconduttori di potenza, dei sensori intelligenti, dell’attrezzatura ottica avanzata e dei materiali compositi.

Incentivi fortemente attesi, quelli per la filiera delle batterie e dei microchip. “Settori strategici per lo sviluppo della nostra economia anche a livello europeo che sconta la mancanza di questi prodotti”, commenta il ministro Giancarlo Giorgetti.

Leggi anche Al via l’IPCEI sull’idrogeno: l’Italia e 21 Paesi UE fanno squadra

Articolo precedenteSalmone, allevamento in chiave green dall’Università di Trento
Articolo successivoArriva la super turbina eolica offshore cinese da 16 MW

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui