Spartacus renderà le batterie intelligenti

Il progetto di ricerca mira a sviluppare un avanzato sistema di sensori che riveli i rischi di guasto e degrado delle batterie prima di una perdita di prestazioni.

Batterie ad acqua di mare
via Pixabay

Verso batterie intelligenti, veloci da caricare e durature

(Rinnovabili.it) – Realizzare batterie intelligenti, capaci di monitorare la propria salute per aumentare le prestazioni e prolungare la durata di vita. Questo l’obiettivo che si propone SPARTACUS, progetto di ricerca europea nato sotto l’ala di BATTERY 2030+.

L’iniziativa è partita ufficialmente a settembre 2020, con un consorzio di 23 organizzazioni e imprese provenienti da 14 paesi europei. Con tre anni di tempo e un budget di 3,8 milioni di euro, i partner si concentreranno sullo sviluppo di speciali sensori meccanici, acustici e termici con cui rilevare i meccanismi di degrado e guasto delle batterie prima di una perdita di prestazioni.

Nel dettaglio i sensori hanno il compito di monitorare e misurare processi elettrochimici e fisici che avvengono all’interno della cella. I dati così ottenuti sono impiegati da un avanzato sistema di gestione della batteria per garantire un impiego ottimale delle correnti di carica e scarica. E mantenere alte le prestazioni senza sovraccaricare eccessivamente gli strati funzionali.

leggi anche Una batteria che dura 100 anni? La scienza identifica la formula

 Un approccio che, come spiegano i ricercatori del Fraunhofer ISC, partner del progetto, permetterebbe di ottenere diversi vantaggi. A partire da una durata più lunga delle batterie e una riduzione di almeno il 20% dei tempi di carica. “L’apparentemente semplice accumulatore di energia diventa una batteria intelligente che monitora le celle e controlla attivamente le correnti elettriche durante il funzionamento e la ricarica”, spiega il Fraunhofer ISC.

 Alla fine del progetto verrà assemblato un modulo batteria intelligente da 24 V e il sistema di gestione delle celle potenziato dai dati sensoriali verrà convalidato in diverse condizioni di invecchiamento. Ma la tecnologia sviluppata in SPARTACUS potrà essere utilizzata per l’intero ciclo di vita, aiutando a ottimizzare la qualità durante la progettazione e lo sviluppo. In produzione, i sensori possono infatti assicurare che il prodotto finito esca dalla catena di montaggio nelle migliori condizioni possibili. 

Articolo precedenteSicurezza cantieri e bonus edili: da ANCE e CNI il vademecum per evitare errori e sanzioni
Articolo successivoLa Corte suprema assolve lo stato giapponese per il disastro di Fukushima

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui