Energia: Regione, ok partecipazione Fvg a bando europeo Valle Idrogeno

Il bando europeo in questione, tra le sue specifiche, prevede il tetto di contributo massimo a titolo di finanziamento dell’Ue fissato a 25 milioni di euro; inoltre la proposta deve riportare una produzione dimostrata di almeno 5mila tonnellate di idrogeno rinnovabile per anno utilizzando una nuova capacità di produzione

idrogeno puro
via depositphotos.com

Avanza il progetto transfrontaliero con Croazia e Slovenia

Trieste, 16 set – La Giunta, riunitasi oggi a Trieste, ha deliberato di autorizzare la Regione Friuli Venezia Giulia a partecipare in qualità di partner alla proposta progettuale “North Adriatic Hydrogen Valley” da presentare a valere sul bando europeo HORIZON-JTI-CLEANH2-2022-06-01 “Hydrogen Valleys – Large scale” del Programma “Horizon Europe” 2021-27.

L’atto è stato presentato all’attenzione dell’Esecutivo dal governatore, su proposta dell’assessore alla Difesa dell’ambiente, di concerto con gli assessori al Lavoro, alle Attività produttive e alle Infrastrutture.

Come è stato spiegato, quello di oggi è il passaggio di un iter che aveva visto nel maggio di quest’anno l’espressione favorevole del Gruppo di lavoro trilaterale (Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Croazia) per la presentazione di una proposta progettuale congiunta da candidare sul bando europeo afferente la realizzazione di una Valle dell’idrogeno.

Nella fattispecie si tratta di una visione progettuale che punta a sviluppare nel medio e lungo e periodo la ‘Valle Idrogeno Nord Adriatico’, fondata sul consolidamento degli ecosistemi idrogeno locali e su una maggiore integrazione e potenziamento delle catene del valore in chiave transfrontaliera.

Il bando europeo in questione, tra le sue specifiche, prevede il tetto di contributo massimo a titolo di finanziamento dell’Ue fissato a 25 milioni di euro; inoltre la proposta deve riportare una produzione dimostrata di almeno 5mila tonnellate di idrogeno rinnovabile per anno utilizzando una nuova capacità di produzione, decarbonizzando una serie di settori produttivi e includendo i piani di trasporto, stoccaggio e distribuzione dell’idrogeno. E’ stato anche deciso che almeno il 20 per cento dell’idrogeno prodotto sia scambiato o distribuito a livello transfrontaliero secondo un flusso bidirezionale.

Come è stato ricordato dal governatore, la proposta progettuale è poi stata condivisa dal Gruppo trilaterale lo scorso 12 settembre. E’ stato definito, quindi, il progetto della North Adriatic Hydrogen Valley, della durata di sei anni per un costo complessivo di 120 milioni di euro, sostenuto da un partenariato istituzionale, industriale scientifico dei territori italiano, sloveno e croato coordinato dal HSE-Holding Slovenske elektrarne in qualità di Lead partner.

Ad integrazione, infine, è stato rimarcato come la partecipazione della Regione rappresenti la parte integrante di una strategia complessiva finalizzata al conseguimento degli obiettivi di decarbonizzazione e di crescita sostenibile, precisando che, relativamente alle spese, la partecipazione comporta un cofinanziamento regionale in termini di risorse umane (già presenti) da impiegare nella attività progettuali, mentre le altre spese ammissibili da sostenere per l’attività progettuale in carico alla Regione sono interamente finanziate da Bruxelles attraverso il Programma Horizon Europe 2021-27. ARC/GG/pph

Articolo precedenteEnergia, approvato un pacchetto di misure per sostenere famiglie, imprese e ridurre i consumi
Articolo successivoRiscaldamento delle case, dalla Regione 11,5 milioni di euro per sostituire caldaie, stufe e vecchi camini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui