Ambiente e smart energy per Kinexia 2.0

La società presenta il Piano Industriale 2015-2017, consolidando l’integrazione con Innovatec e Waste Italia

Ambiente e smart energy per Kinexia 2.0(Rinnovabili.it) – Energie rinnovabili, efficienza energetica e ambiente: è un business integrato quello che caratterizza Kinexia 2.0. La società ha presentato alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2015-2017 confermando la strategia di crescita già avviata negli scorsi esercizi. Le linee strategiche del Piano si muovo su tre principali direttrici: la crescita di Innovatec (subholding attiva nell’ambito della generazione distribuita smart grid e smart cities, dell’efficienza energetica e dello storage), lo sviluppo del business ambiente, in seguito all’integrazione del gruppo Waste Italia all’acquisizione di fine novembre di Geotea, e l’internazionalizzazione dei suoi business al fine di sfruttare e massimizzare tutte le sinergie esistenti tra i vari gruppi.

 

Il management prevede a fine triennio ricavi per 269 milioni di euro, con un tasso di crescita medio annuo del 15% nel periodo in esame. Nel dettaglio:

– Per la subholding Innovatec: nel 2017 sono previsti ricavi pari a 39 milioni di euro (tasso di crescita annuale composto – CAGR 10,4%), un EBITDA pari a 7 milioni (18% sul fatturato)

– Per la subholding Waste Italia: nel 2017 sono previsti ricavi pari a 152 milioni di euro (CAGR 6,5%) e un EBITDA pari a 66 milioni (43% sul fatturato).


Il margine operativo lordo dovrebbe salire a 83 milioni, pari a una marginalità del 30% e per il 2017 l’indebitamento netto dovrebbe ridursi a 240 milioni di euro. Nel triennio in esame Kinexia stima investimenti complessivi per 80 milioni di euro. Inoltre ill Presidente ed Amministratore delegato. Pietro Colucci, proporrà al prossimo Consiglio di Amministrazione, nell’ambito della delega quinquennale conferita al CdA da parte dell’Assemblea degli Azionisti, un aumento di capitale in Kinexia con diritto di opzione di 30 di euro milioni al fine di riequilibrare il rapporto Debt/Equity di Gruppo.

Articolo precedenteIncentivi al biometano, si studia il come
Articolo successivoCase a energia zero, Boston dimostra che possono essere low-cost

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui