Greenwashing e investimenti, la piattaforma Ener2Crowd valuta la sostenibilità

E’ italiana e si chiama ‘Ener2Crowd.com’ e introduce il nuovo, e primo, Indicatore di sostenibilità d’investimento (Isi), per non buttare i soldi al vento e capire se un investimento è veramente conveniente sul fronte ambientale. Vengono analizzati diversi elementi, dai capitali raccolti e allocati alla tipologia degli investimenti realizzati. Il parametro di riferimento per la creazione dell’indice è l’Intensità sostenibile d’investimento (Isi), declinata su base annuale come quantità ideale di emissioni di CO2 che ogni anno un euro investito in prodotti finanziari green deve contribuire a ridurre

Ener2Crowd
via depositphotos.com

Come investire nella transizione ecologica senza sbagliare

di Tommaso Tetro

(Rinnovabili.it) – Di questi tempi, tra sviluppo sostenibile e transizione ecologica, scivolare nel greenwashing potrebbe non essere difficile, e gli investitori – ormai sempre più attenti come dimostra l’enorme interesse del mondo finanziario per il green – potrebbero ritrovarsi ad aver buttato al vento i propri soldini. Ma niente paura, per capire se un investimento è veramente conveniente sul fronte ambientale arriva ora ‘Ener2Crowd’, la piattaforma italiana di lending crowdfunding ambientale ed energetico, che annuncia l’introduzione di un nuovo indicatore di sostenibilità: l’Indicatore di sostenibilità d’investimento (Isi), il primo indicatore ad hoc di questo tipo.

Leggi anche Arriva la nuova strategia UE sulla finanza sostenibile e i green bond

La piattaforma analizza diversi elementi: capitali raccolti e allocati, tipologia degli investimenti realizzati, ammontare dei flussi di cassa impiegati per acquistare, mantenere o implementare immobilizzazioni operative (capex progetti) e soprattutto benefici ambientali generati. In questo modo, dopo un lungo lavoro di ricerca, si è riusciti a individuare il valore ottimale per poter definire se un investimento effettivamente green. Il parametro di riferimento per la creazione dell’indice è l’Intensità sostenibile d’investimento (Isi), declinata su base annuale come quantità ideale di emissioni di CO2 che ogni anno un euro investito in prodotti finanziari green deve contribuire a ridurre. Ne deriva l’Indicatore totale derivato (Isi totale), definito come quantità ideale totale di emissioni di CO2 che un’iniziativa green deve contribuire a ridurre per ogni euro ricevuto.

Per l’Italia i valori medi riscontrati da Ener2Crowd sono pari a 0,74 kg di CO2 per euro di Isi e di 13,46 kg di CO2 per euro di Isi totale. Le iniziative con l’Isi più alto rispetto a questi valori sono proprio quelle che permettono di sostituire alle fonti fossili impianti per la generazione distribuita di energia elettrica da rinnovabili, come il solare fotovoltaico, o di implementare interventi di efficientamento energetico. Oggi ogni euro di ricchezza prodotta nel nostro Paese produce 0,267 kg di CO2 all’anno, ma l’obiettivo al 2030 è quello di raggiungere un Pil del 27% superiore a quello del 2020, e quindi di superare i 2mila miliardi di euro; al tempo stesso di contenere il volume di emissioni di CO2 legate ai consumi economici ad un livello del 29% inferiore, quindi sotto le 297 milioni di tonnellate di CO2.

Leggi anche La Banca d’Italia spinge la finanza ESG, arriva la Carta degli Investimenti sostenibili

“Questo significa che la nostra economia deve quasi dimezzare (meno 44%) i propri impatti ambientali in termini di emissioni di CO2 – osserva Niccolò Sovico, ceo, ideatore e co-fondatore di Ener2Crowd.com – maggiore sarà la crescita economica, maggiore dovranno essere i nostri sforzi per ridurne la ‘carbon intensity’ e rispettare gli obiettivi che ci siamo dati”. Se tutti cercassimo investimenti con un Indicatore di sostenibilità d’investimento come quello delle opportunità selezionate da Ener2Crowd – viene spiegato – alla transizione energetica sostenibile basterebbero circa 16,5 miliardi di euro ogni anno fino al 2030, lo 0,7% della ricchezza liquida degli italiani.

Articolo precedenteVerso il nuovo PNIEC: ecco come centreremo gli obiettivi sulle rinnovabili
Articolo successivoIl design di Caimi per “ascoltare il silenzio”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui