Gas in tassonomia verde, i contrari preparano gli avvocati

Il 6 luglio in plenaria il voto sul secondo atto delegato. In Europarlamento c’è una aliquota trasversale di deputati che non vuole gas e nucleare nella lista degli investimenti sostenibili. Ma il risultato sarà deciso da pochi voti. I negoziatori del provvedimento: “Se passa, portiamo la Commissione in tribunale”

tassonomia verde
via depositphotos.com

Pronta un’azione legale se passa il gas in tassonomia verde

(Rinnovabili.it) – Se il parlamento europeo dirà di sì al gas in tassonomia verde, siamo pronti a trascinare la Commissione in tribunale. Lo hanno annunciato alcuni europarlamentari alla vigilia dell’importante voto sul regolamento per gli investimenti considerati sostenibili e agevolati, previsto per questa settimana. Europarlamentari di un certo peso come Sirpa Pietikainen o Paul Tang, due dei negoziatori del provvedimento.

Se la tassonomia verde riceverà il via libera il Parlamento cercherà sicuramente di andare in tribunale... Sosterremo che va contro la legislazione primaria e ci batteremo sicuramente per questo”, ha spiegato Tang a Reuters, riferendosi alle fonti supreme del diritto europeo tra cui i trattati fondativi. “Se si dovesse arrivare a questo punto, sarei favorevole a un’azione legale e farei parte del gruppo di europarlamentari che porta la questione in tribunale”, gli fa eco Pietikainen.

Leggi anche Tassonomia verde, il testo definitivo include gas e nucleare

Tang fa parte di quella maggioranza trasversale nata all’inizio di giugno per opporsi al gas in tassonomia verde e al ruolo riservato dal regolamento al nucleare. Una maggioranza che ha fatto proseliti tra socialdemocratici e popolari, liberali di Renew e i più scontati Verdi e Sinistra.

E ha raggiunto un primo risultato: con 76 sì, 62 no e 4 astenuti, il 14 giugno le commissioni Ambiente e Economia del parlamento UE hanno approvato una risoluzione che chiede di togliere gas e atomo dalla lista degli investimenti considerati sostenibili. Un’indicazione chiara per il voto in plenaria, che si terrà il 6 luglio preceduto il giorno prima dal dibattito.

Leggi anche Tassonomia verde, dopo l’Ucraina “ha ancora meno senso di prima”

Dopo mesi di polemiche molto accese, lo scorso febbraio la Commissione ha prodotto il secondo atto delegato, quella parte di tassonomia verde relativa a gas e nucleare. Entrambe le fonti di energia sono incluse, con certi parametri, nella lista degli investimenti verdi UE a fianco di solare, eolico. Un testo che è frutto del compromesso tra Francia (sì al nucleare, no al gas) e Germania (sì al gas, no al nucleare).

Sul voto dell’Europarlamento pesa la nuova situazione energetica globale che è emersa dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Per i deputati contrari alla tassonomia verde in questa forma, “questo atto delegato è arrivato prima della guerra in Ucraina”, e alla luce della dipendenza europea da Mosca “adesso ha ancora meno senso di prima”, spiegava alla stampa a inizio giugno Christophe Hansen, il rapporteur del provvedimento in quota PPE. “Politicamente non possiamo accettare di finanziare una macchina della guerra ancora più di quanto non stiamo già facendo, purtroppo”.

Articolo precedentePresentato West Gate, la porta di accesso del distretto MIND di Milano
Articolo successivoVestas inaugura la prima nave di servizio a idrogeno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui