Investimenti ESG, Intesa Sanpaolo sostiene le PMI con 2mld

Il gruppo rafforza ulteriormente il proprio impegno a favore delle piccole e medie imprese con una nuova soluzione per il credito denominata Sustainability Loan

Investimenti ESG
Foto di David Schwarzenberg da Pixabay

(Rinnovabili.it) – C’è una sigla che ricorre spesso quando si parla di finanza sostenibile. È “ESG”, acronimo di Environmental, Social, Governance. Queste tre lettere sono utilizzate in ambito economico/finanziario per indicare tutte quelle attività legate all’investimento responsabile sul fronte ambientale, sociale e di governance. Si tratta di aspetti ritenuti fondamentali dall’Unione Europea ai fini del processo di decarbonizzazione e per questo motivo inseriti di diritto nella nuova strategia comunitaria sulla finanza verde. Basti pensare al nuovo regolamento UE, approvato a marzo 2019, che stabilisce in che modo i partecipanti ai mercati finanziari e i consulenti finanziari debbano integrare nei rispettivi processi i rischi e le opportunità ESG.

Le nuove regole di finanza sostenibile hanno iniziato a contagiare anche l’Italia. Lo dimostra, da ultimo, il nuovo progetto lanciato da Intesa Sanpaolo a favore delle piccole e medie imprese: una soluzione di credito denominata Sustainability Loan per quelle realtà che intendono effettuare investimenti innovativi in base ai criteri ESG. Nell’ambito di questa iniziativa, il gruppo bancario italiano ha predisposto un plafond di 2 miliardi di euro.

Il Sustainability Loan sarà caratterizzato da una formula innovativa che permetterà la condivisione degli obiettivi di miglioramento in logica ESG mediante specifici indicatori certificati dall’impresa nella nota integrativa al bilancio. Lo strumento prevede anche forme di “premialità” rivolte alle imprese che raggiungono obiettivi di miglioramento sostenibile.

L’iniziativa rientra nella più ampia strategia del Gruppo dedicata alla finanza sostenibile. Con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento in Italia su questo fronte, la Banca ha messo a disposizione un plafond creditizio dedicato alla Circular Economy pari a 5 miliardi di euro nel quadriennio, ha lanciato nel 2019 il primo Sustainability Bond focalizzato sull’economia circolare dopo aver debuttato nel 2017 come prima banca italiana con un green bond da 500 milioni di euro destinato a finanziamenti a sostegno delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica. Il Gruppo si è reso disponibile inoltre a finanziare con 50 miliardi di euro di nuovi crediti la realizzazione del green deal europeo nel Paese.

Leggi anche Superbonus: Intesa Sanpaolo pronta ad acquistare i crediti d’imposta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui