Boom di richieste per il Sustainability-Linked Bond di Enel

L’operazione multitranche da 3,5 miliardi ha ricevuto richieste in esubero per ben 9,2 miliardi. Per la prima volta l’obbligazione è legata al raggiungimento dell’obiettivo di riduzione di emissioni dirette del Gruppo

Sustainability-Linked Bond
Foto di moerschy da Pixabay

Il prestito obbligazionario “Sustainability-Linked Bond” è stato lanciato ieri sui mercati internazionali e statunitensi

(Rinnovabili.it) – “La creazione di valore di lungo termine sarà possibile solo se basata su modelli di business che siano sostenibili e tengano conto di tutti gli stakeholder”, con queste parole Francesco Starace, CEO del Gruppo Enel, ha commentato ieri il lancio del “Sustainability-Linked Bond“, prestito obbligazionario multitranche da 3,5 miliardi di dollari (circa 3,3 miliardi di euro). L’operazione, rivolta agli investitori istituzionali, si è fatta notare da subito per due aspetti: il successo con cui è stata accolta e l’obiettivo a cui è stata vincolata. Si tratta infatti del primo bond al mondo di un gruppo multinazionale dell’energia, legato a una traiettoria di completa decarbonizzazione.

leggi anche Obbligazioni verdi, sociali e sostenibili, il mercato europeo si prepara al boom

Nel dettaglio le quattro tranche in cui è strutturata l’emissione (due da 750 milioni, due da 1 miliardo) fissano ciascuna un tasso d’interesse subordinato al raggiungimento di un preciso Sustainability Performance Target (SPT). In caso di mancato raggiungimento dell’obiettivo verrebbe quindi applicato un meccanismo di step-up aumentando tale tasso.

Si va così da un primo STP pari o inferiore a 140 grammi di CO2eq/kWh al 31 dicembre 2024 fino a quello della quarta tranche pari a zero grammi di CO2eq/kWh al 31 dicembre 2040.

“Con questo nuovo ‘Sustainability-Linked Bond’ stiamo ulteriormente accelerando verso il raggiungimento dei nostri obiettivi di finanza sostenibile e implementando pienamente il concetto di Stakeholder Capitalism”, ha spiegato Starace. “L’operazione contribuirà al percorso di riduzione del costo dell’indebitamento pianificato per il periodo 2022-2024, all’implementazione della nostra Strategia, di cui beneficeranno tutti i nostri stakeholder, e all’indipendenza energetica dei Paesi in cui operiamo”.  L’emissione – fa sapere la società – ha ricevuto richieste in esubero per più di 2,5 volte, con ordini per un importo pari a circa 9,2 miliardi di dollari.

leggi anche Eurobond per finanziare la spesa sull’energia, l’UE è tentata

Articolo precedenteSistema alimentare globale, serve una regia mondiale per renderlo sostenibile
Articolo successivoRaggiunto l’accordo UE sul caricabatterie universale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui